L’ADDIO AD ALESSIA SULLE NOTE DI VASCO
Gli amici la salutano con palloncini bianchi e rossi

LATINA – Un lungo applauso ha accolto il feretro di Alessia Calvani, nella chiesa di San Giuseppe a Latina Scalo dove alle 15:30 si sono celebrati i funerali della 15enne investita da un’auto pirata domenica notte su via della Stazione a Latina Scalo, a due passi da casa sua. Straziante il dolore dei familiari e dei tantissimi amici che hanno affollatto la chiesa e il piazzale per salutare per l’ultima volta Alessia.

“Il Signore non si allontana da noi in questo momento così doloroso”, ha detto don Giuseppe De Nardis nella sua omelia.  Poi è stata la volta dei messaggi degli amici che hanno vissuto con Alessia gli anni della spensieratezza, fino al tragico incidente. A salutare il feretro le note di Vasco Rossi e le foto di Alessia proiettate all’interno della chiesa, insieme ai palloncini che sono stati fatti volare con alcune scritte particolarmente significative per la 15enne.

Intanto le indagini vanno avanti senza sosta, un elicottero della Polizia ha effettuato oggi una perlustrazione del territorio per individuare il pirata. “Abbiamo delle ipotesi investigative che dobbiamo verificare – ha dichiarato il comandante provinciale Francesco Cipriano che sta conducendo le indagini dalla notte dell’incidente – Stiamo lavorando senza sosta per arrivare alla soluzione”. Tre le auto sospette al vaglio degli investigatori dopo l’analisi delle immagini registrate dalle telecamere che si trovano lungo Via della Stazione nei pressi del luogo dell’incidente.

E l’associazione Valore Donna e l’associazione Vittime incidente stradali scrivono una letera aperta ai sindaci dei comuni pontini: chiedendo di “diffondere nelle scuole pubbliche medie e superiori, il film “Delitto perfetto” di Saverio Deodato. Si tratta di un cortometraggio che ha come oggetto il dramma degli incidenti stradali. L’intento è quello di sensibilizzare i giovani sul tema alcool e droga al volante. Occorre agire subito.Come una comunità che parla con una sola voce”.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto