REGIONE, L’UDC PENSA AL “RITIRO”
I Centristi si riuniranno martedì
Oggi conferenza capigruppo

L’assessore regionale Aldo Forte parteciperà domani all’ufficio politico dell’Udc per decidere se ritirare la fiducia alla Governatrice

LAZIO – Conferenza dei capigruppo, questa mattina, al consiglio regionale del Lazio dove monta la protesta dei consiglieri di opposizione, pronti a dimettersi per arrivare allo scioglimento del Consiglio dopo il caso dei fondi regionali del Pdl e la bufera sull’ex capogruppo Franco Fiorito. Mentre ieri sono tornate a rincorrersi voci di dimissioni dopo che il governatore del Lazio Renata Polverini ha incontrato il premier Mario Monti «per informarlo della situazione che si è verificata in Regione», i consiglieri del Pd, di Sel, di Idv hanno annunciato il loro passo indietro: l’obiettivo è raccogliere le 36 adesioni necessarie per far cadere la maggioranza e arrivare al voto. Ora gli occhi sono puntati sull’Udc.

UDC – L’Udc sembra ormai vicino al ritiro della fiducia alla Governatrice.  Il segretario politico dell’Udc Lorenzo Cesa ha  annunciato di aver convocato per domani, alle 11, l’ufficio politico del partito per assumere una decisione definitiva rispetto alla situazione politica determinatasi alla Regione Lazio. Una decisione da cui dipende la permanenza in vita del Consiglio regionale: con le firme dell’Udc e quelle già assicurate dei Radicali e del Verde Bonelli non ci sarebbe infatti più una maggioranza. All’incontro parteciperanno i parlamentari del Lazio e i consiglieri regionali dell’Udc, tra cui il pontino Aldo Forte che ha infatti annullato un appuntamento in programma per domani a Gaeta nella sua veste di assessore regionale.

All’Udc rivolge un appello, affinchè firmi per le dimissioni dei propri consiglieri, il capogruppo del Pd alla Regione Lazio, Esterino Montino:  «Invitiamo gli esponenti dell’Udc, oggi fondamentali per far pendere l’ago della bilancia a favore della risposta forte auspicata, a fare un passo indietro – aggiunge il consigliere regionale del Pd Giuseppe Parroncini – noi abbiamo scelto di non tenere in piedi l’amministrazione dello scandalo, loro hanno l’opportunità di dare prova, insieme a noi, che voltare pagina è possibile».

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto