IL CICLO DELL’ACQUA IN AGRO PONTINO
Studenti a lezione nel Parco del Circeo

L’ingresso del Centro Visitatori del Parco a Sabaudia

LATINA – Prendono in via questa settimana gli incontri di informazione ambientale con gli alunni delle scuole dell’Agro pontino organizzati dal Parco nazionale del Circeo. Le lezioni saranno incentrate sul ciclo dell’acqua, sull’importanza naturalistica delle zone umide e sulla fitodepurazione. Sono questi, infatti, i principali temi di cui tratta il programma,Life Rewetland, che ha come obiettivo la riqualificazione delle acque superficiali della pianura pontina attraverso la realizzazione di un sistema di fitodepurazione diffusa.

L’iniziativa, finanziata dall’Unione Europea, vede come partner la Provincia di Latina, in qualità di ente capofila e coordinatore, il Parco Nazionale del Circeo, il Consorzio di Bonifica dell’Agro Pontino, il Comune di Latina e la società U-Space s.r.l., che fornisce la consulenza tecnica per la predisposizione e gestione del progetto. Avviato nel gennaio del 2010, il piano, il cui obiettivo è la riqualificazione ambientale dell’intera zona, si concluderà nel giugno del 2013. Si sviluppa in diverse fasi e prevede la realizzazione di numerose azioni, alcune di competenza dei singoli partner, altre condivise da tutti. Il Parco ha avuto il compito di realizzare un’area umida nei pressi del Lago di Fogliano, il cui scopo è anche quello di (fito)depurare una parte delle acque superficiali che scorrono nei canali limitrofi. Ed ora, in questa fase, l’Ente promuove specifiche attività di formazione rivolte alle scuole.

Durante gli incontri con le classi (elementari, medie inferiori e medie superiori), i temi del progetto saranno trattati con una metodologia consona al livello scolastico degli alunni. Oltre alle lezioni in classe, gli studenti potranno, in un secondo momento, effettuare una serie di visite guidate nelle aree del Parco interessate dal progetto. Le escursioni potranno comprendere anche altri ambienti dell’area protetta, sulla base delle esigenze didattiche o degli interessi specifici degli istituti scolastici. Le adesioni all’iniziativa da parte delle scuole sono tuttora aperte a chi volesse partecipare.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto