CERTIFICAZIONE ENERGETICA
Corsi all’Ordine degli Ingegneri

Shares

Il Presidente dell’Ordine degli Ingegneri, Fabrizio Ferracci

LATINA – L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Latina ha organizzato una serie di incontri tecnici di aggiornamento sul tema della “Certificazione Energetica e Certificazione Energetica Ambientale protocollo Itaca”, che si terranno il 15, 22 e 29 gennaio 2013 presso la sede dell’Ordine in Piazza Celli 3 a Latina.

 Il Protocollo Itaca stima il livello di qualità ambientale di un edificio in fase di progettazione e realizzazione, misurandone la prestazione. La valutazione avviene tramite due gruppi di schede: il primo gruppo riguarda il “consumo delle risorse” e contiene le schede di valutazione del contenimento di consumi energetici invernali ed estivi, della produzione di acqua calda sanitaria, dell’illuminazione naturale, della quantità di energia elettrica da fonti rinnovabili, dell’uso di materiali eco-compatibili, dei consumi di acqua potabile e del mantenimento delle prestazioni dell’involucro edilizio. Il secondo gruppo verifica l’incidenza dei “carichi ambientali”, analizzando, come fattori: l’emissione di gas serra, i rifiuti solidi e liquidi prodotti e la permeabilità delle aree esterne.

“Il corso – spiega l’ingegner Emilio Ranieri, coordinatore del gruppo di lavoro Energia dell’Ordine degli Ingegneri – è indirizzato ai professionisti che si occupano di bioedilizia che intendono specializzarsi ulteriormente nella certificazione di sostenibilità ambientale delle abitazioni. Nel corso degli anni a venire il settore subirà numerose modifiche diventando di fondamentale importanza: infatti, nel 2020 tutte le nuove costruzioni dovranno essere ad emissioni ‘quasi zero’. Di conseguenza aumenterà in maniera esponenziale la domanda di tecnici specializzati in questo settore. Gli appuntamenti in programma nel mese di gennaio – continua Ranieri – sono solo una tappa di un iter più complesso di preparazione dei progettisti edili sensibili alla sostenibilità delle loro opere, che con il loro lavoro intendono apportare benefici all’ambiente, ma anche ai cittadini e agli enti che potranno risparmiare cifre notevoli nella gestione economica delle abitazioni e degli edifici pubblici”.

Il primo incontro di martedì 15 gennaio presenterà il protocollo Itaca della Regione Lazio (che ha reso obbligatorio il protocollo per gli edifici di sua proprietà) e spiegherà la normativa energetica regionale, che si basa sul nuovo Regolamento regionale n. 6/2012 che istituisce un “Sistema per la certificazione di sostenibilità energetico-ambientale degli interventi di bioedilizia e per l’accreditamento dei soggetti abilitati il rilascio del certificato di sostenibilità energetico-ambientale”. Il secondo appuntamento del 22 gennaio prenderà in esame due esempi concreti di progetti realizzati con il protocollo, mentre l’ultimo appuntamento del 29 gennaio 2013 si incentrerà sulla certificazione energetica, sulla normativa nazionale e regionale e sui i ruoli e le responsabilità dei vari soggetti che intervengono della certificazione energetica.

Il Protocollo Itaca, avviato circa dieci anni fa, è stato utilizzato dalle Regioni, secondo criteri e modalità diverse. Il sistema Protocollo Itaca, infatti, si configura come una federazione di protocolli di valutazione regionali caratterizzati da una metodologia e da requisiti tecnico-scientifici comuni. L’idea è quella di condividere uno standard unitario, ma di permetterne una declinazione a livello locale.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto