PIANO DEL TRAFFICO
Concorso di idee per studenti unversitari

Shares

Strisce blu

LATINA – La commissione viabilità ha accolto la proposta del Partito democratico di un concorso di idee nelle facoltà italiane, con stage per giovani neo laureati, per la redazione di un nuovo piano del traffico,che risponda a diversi obiettivi: migliorare le condizioni della circolazione e della sicurezza stradale, ridurre l’inquinamento acustico e ambientale, contenere i consumi energetici.

“Siamo molto soddisfatti di questo risultato – commenta il consigliere comunale del Pd Fabrizio Porcari – siamo pronti ad accogliere tutte le proposte di discussione, ma è imprescindibile, prima di discutere di ‘zone 30’, di isola pedonale in centro, di piste ciclabili o di piano dei parcheggi, uno studio preventivo dei flussi di traffico in tutta la città”.

Un passaggio necessario, dunque, quello del nuovo piano urbano del traffico, suggerito da Porcari e accolto favorevolmente da tutta la commissione.

“La redazione del piano del traffico non è più rinviabile – commenta Porcari – perché quello in uso è anacronistico rispetto alle mutate esigenze e ai differenti contesti nei quali si è modificata la città di Latina. La nostra idea persegue una duplice finalità – aggiunge il consigliere – da una parte dotare Latina finalmente del PGTU; dall’altra sgravare di competenze l’ufficio mobilità che trova difficoltà a redigere il documento perché è sotto organico, abbandonato dall’amministrazione, che non ha mai nominato un assessore al ramo”.

La decisione di affidare il piano del traffico a una università era stata anche oggetto di un emendamento al bilancio firmato da Porcari.

Nella seduta di questa mattina tutta la commissione ha, dunque, assunto l’impegno per l’amministrazione di aggiornare il vecchio piano.

“Come Partito democratico apprezziamo molto l’atteggiamento di tutti i consiglieri e del presidente – dice ancora Porcari – che con spirito collaborativo e solerzia hanno deciso di inserire la nostra proposta nel Piano esecutivo di gestione. Solo così si potranno studiare le criticità, individuare i bisogni e studiare le soluzioni per una mobilità sostenibile e finalmente a misura di una città come Latina”.

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto