RIVOLTA DI UICI E CIIVA
Matteini aumenta i dirigenti e licenzia gli operatori
“Pronti ad azioni estreme”

LATINA – Totale sospensione del servizio dei lavoratori del centro regionale Sant’Alessio – Margherita di Savoia per i ciechi che ha disposto la sospensione dell’assistenza previsto per le persone con disabilità visiva, togliendo anche il lavoro ai molti operatori del centro stesso. Lo denunciano le associazione Uici e Ciiva Onlus di Latina che operano per la tutela dei diritti delle persone con disabilità visiva.

Questo provvedimento è stato adottato dal commissario del centro, il dottori Alessandro Matteini, funzionario nominato dalla Regione Lazio e andrà a colpire anche il centro Pluriminorati di via Po a Latina, inaugurato un anno e mezzo fa e costato 250 mila euro.

Il centro Sant’Alessio fornisce assistenza e riabilitazione ai non vedenti, ma non passa un bel periodo nonostante possieda un grande patrimonio immobiliare che rende 5 milioni 500 mila euro l’anno, ma che costa 12 milioni di euro. Negli anni sono stati assunti molti dipendenti amministrativi e le entrate, che dovrebbero servire alle attività destinate alle persone cieche, in realtà riescono a coprire solo questo personale. “A questo – dice il presidente Ciiva Latina, Carlo Carletti – si aggiunge un irresponsabile comportamento della giunta regionale che non versa i fondi stanziati e previsti per l’assistenza alle persone con pluri handicap”.

Questa situazione però, denunciano ancora, non può giustificare le decisioni del commissario che tagli il personale per i ciechi, ma “prefigura l’assunzione di altri dipendenti e dirigenti di prima classe, oltre ad altre figure dirigenziali amministrative di cui nessuno sente l’esigenza”.

I ciechi e  gli ipovedenti del Lazio non ci stanno e sono pronti a manifestazioni estreme come l’occupazione e l’autogestione del centro. Le associazioni si rivolgono ai prossimi candidati alla Regione Lazio affinchè nei loro programmi trovino la giusta attenzione le problematiche legate alle persone disabili.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto