SANGUE INFETTO
Altro risarcimento per un uomo di Formia

sangueFORMIA – Lo ha stabilito il Tribunale di Roma con sentenza di oggi 30 gennaio, All’età di 40 anni l’uomo di Formia ha scoperto di aver l’epatite C a seguito di normali controlli del sangue. Per l’uomo inizia un vero e proprio calvario fatto di paure che lo conducono alla depressione. Oggi dopo 3 anni e mezzo di causa, condotta dall’avvocato Renato Mattarelli, arriva il risarcimento, oltre ad un indennizzo mensile di circa 740 euro mensili per tutta la vita

2 Commenti

2 Commenti

  1. marco

    16 Febbraio 2013 alle 18:01

    è una vergogna che lo stato italiano non paga i risarcimenti alle vittime del sangue infetto. la cosa più vergognosa è che nessun politico si è mobilitato fattivamente per la risoluzione della questione che colpisce oltre 10.000 famiglie

  2. stefania

    6 Marzo 2013 alle 19:48

    lo stato deve pagare non ha i soldi solo x noi poveracci è un nostro diritto ……….vergogna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto