CONSORZIO INDUSTRIALE
Pronto il progetto per riqualificare l’area artigianale di Aprilia

comune-apriliaAPRILIA – Il Consorzio per lo Sviluppo Industriale Roma-Latina nell’ambito della sua mission di supporto operativo al sistema produttivo interprovinciale ha redatto un progetto per la realizzazione delle infrastrutture di servizio dell’Area Artigianale di Aprilia, con finanziamenti a fondo perduto per il 70% dell’importo progettuale di 885.742 euro.

In questo progetto è compresa l’elettrificazione generale dei siti produttivi. L’appalto dopo le previste procedure di gara è stato aggiudicato all’Impresa Edilmassimo Srl di Roma e attualmente versa in grave sofferenza economico-finanziaria per il mancato trasferimento dei fondi da parte della Regione Lazio.

Il Presidente del Consorzio Industriale Luigi Torelli, ha portato all’attenzione del Consiglio di Amministrazione dell’Ente, nella seduta di ieri, la grave problematica, proponendo l’anticipazione da parte del Consorzio ASI dell’importo di  107.000 euro + I.V.A., necessario alla copertura finanziaria della gara d’appalto per la fornitura e montaggio delle cabine elettriche secondo le specifiche richieste dell’Enel ; la proposta del Presidente Torelli è stata approvata all’unanimità.

Gli uffici stanno già predisponendo il corrispondente bando pubblico che consentirà all’Enel di avviare definitivamente le procedure per l’elettrificazione generale dell’Area Artigianale, considerato il fatto che è già stata versata la somma di € 45.539,37 afferente la “quota di distanza”.

In questo momento di profonda recessione economica il supporto alle imprese fornito dal Consorzio Industriale è di vitale importanza per il sistema produttivo che, pur essendo attaccato da tutte le problematiche gestionali e finanziarie nonché dalla grave criticità dei mercati, potrà sicuramente trarne giovamento per la sua stabilizzazione, programmazione a brevissimo periodo e per un rilancio della competitività economica dell’importante processo produttivo territoriale che raccoglie importantissimi settori di nicchia.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto