T-shirt offensiva, Zappino smentito da un video

Se questo è sport... - US Latina Calcio - Sito ufficiale

LATINA– Non si spegne l’eco della maglietta offensiva esibita al termine del derby vinto dal Frosinone contro il Latina dal portiere gialloblu Massimo Zappino. Nei giorni scorsi il diretto interessato era intervenuto telefonicamente alla trasmissione televisiva Pro & Contro in onda su Extra Tv, si era scusato con la società del Latina e la città  dicendo che la t-shirt gli era stata infilata e che il suo era stato un gesto non volontario. La società nerazzurra aveva accettato le scuse complimentandosi alla fine con il Frosinone per l’ottima organizzazione dell’evento. La versione offerta dal portiere gialloblu però è smentita da un video che si trova su Youtube. <La maglietta incriminata mi è stata infilata a fine partita mentre festeggiavamo e non sapevo cosa c’era scritto  – ha detto il portiere –  mi ritengo un professionista ed una persona seria, per questo ribadisco le mie scuse, credetemi non mi ero accorto di quella scritta sulla t-shirt> aveva dichiarato.  Il video che dura cinque minuti, girato al Matusa da uno spettatore della Curva Nord negli ultimi minuti di gioco, sconfessa  la ricostruzione del portiere. Nessuno lo ha costretto ad indossare la maglietta offensiva: subito dopo il match si vede Zappino che si toglie la divisa da gioco gialla, regala i pantalonicini ad un uomo che è in campo e festeggia per la vittoria mostrando la scritta stampata sulle spalle <Pontino Bastardo>  ad un operatore con una telecamera che è sul terreno di gioco. Si vede poi Zappino insieme ad alcuni compagni  che percorre in lungo e largo il campo ed esulta per la vittoria. Il portiere è stato squalificato per quattro turni per questo comportamento dal giudice sportivo e il Frosinone ha annunciato il ricorso.

IL VIDEO

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto