FEMMINICIDIO E VIOLENZA, UN CONVEGNO A CISTERNA

Violenza sessuale

CISTERNA – Si intitola “LA VIOLENZA DI GENERE E IL FEMMINICIDIO. DENUNCIA SOCIALE E RICONOSCIMENTO GIURIDICO” il  convegno che si terrà a Cisterna venerdì alle ore 15.30 in Aula consiliare, organizzato dal Centro Italiano Femminile (C.I.F.) di Cisterna di Latina con il patrocinio dell’Amministrazione comunale.

Tra i relatori, il Sostituto Procuratore della Repubblica presso la Procura di Latina, dottoressa Raffaella Falcione che interverrà su “Gli strumenti giuridici per la tutela della donna vittima di reato”.

Seguirà l’intervento “Omicidio-suicidio. Coniuge-figli. Marito-moglie” a cura della dottoressa Antonella Spacca, Psicoterapeuta specialista in psicologia clinica presso l’Ospedale Santa Maria Goretti di Latina.

“Tutela della parte civile e sue aspettative”, invece sarà il tema affrontato dall’avvocato Maria Concetta Belli, Mediatore familiare e penale minorile.

La proiezione di un video introdurrà un altro aspetto del fenomeno ovvero “La funzione e le responsabilità dell’informazione” trattato dal giornalista de La Repubblica, dottor Carlo Picozza.

Dopo la lettura della sentenza di un caso di cronaca si aprirà un dibattito moderato, come l’intero l’incontro, dall’avvocato Carla Censi.

“Da molti anni la nostra associazione opera a Cisterna – afferma il Presidente del CIF, avvocato Antonella Bellardini – in campo civile, sociale e culturale per contribuire alla costruzione di una democrazia solidale e di una convivenza fondata sul rispetto dei diritti umani e della dignità della persona secondo lo spirito e i principi cristiani, la Costituzione e le leggi italiane, le norme del diritto comunitario e internazionale. Questo convegno si inserisce all’interno delle iniziative del programma annuale per informare e sensibilizzare l’opinione pubblica su un fenomeno drammaticamente attuale nel nostro Paese”.

“Ringrazio il CIF – afferma il Sindaco Merolla – per questo importante convegno su un argomento che purtroppo rappresenta ancora oggi una piaga della nostra società e che viene a svolgersi in un momento particolare per la nostra città, negli ultimi giorni scossa dai tragici eventi avvenuti a Borgo Flora. Sono convinto che con il confronto e la giusta informazione si possa, insieme, ognuno nella propria parte, arrivare alla condizione culturale e sociale di rispetto delle persone e soprattutto del mondo femminile”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto