LATINA-AVELLINO, LA SFIDA DELLE SFIDE
Sanderra al lavoro prepara il match decisivo

Stefano Sanderra

Stefano Sanderra

LATINA  – Il Latina prepara la sfida delle sfide, quella contro la prima in classifica nel campionato di Lega Pro Prima Divisione Girone B: l’avversario da battere davanti al pubblico amico è l’Avellino.  Ieri la squadra si è allenata in doppia seduta alla Fulgorcavi, in vista dell’impegnativa gara domenicale contro la formazione campana, prima superata e tenuta a distanza, che ha saputo poi ben sfruttare il crollo dei nerazzurri per effettuare il sorpasso.

Tocca a Stefano Sanderra, appena tornato sulla panchina di Piazzale Prampolini proprio per superare la crisi, fare di tutto per riportare il Latina in gara. L’appuntamento è domenica al «Francioni» alle 15,00 (dirige l’incontro l’arbitro Sacchi di Macerata).

La gara si annuncia difficile dunque per i nerazzurri, una sfida carica di tensione anche a causa di una vecchia rivalità alimentata da una stagione di polemiche per presunti favori arbitrali agli irpini. Ma anche per Avellino si tratta di una sfida determinante, la più impegnativa da qui alla fine del Campionato. «Per quel che ci riguarda – ha dichiarato il portiere dei biancoverdi,  Giuseppe De Masi in un’intervista al Mattino – ci sentiamo assolutamente tranquilli, concentrati sul lavoro quotidiano, funzionale alla gara di domenica. Le polemiche del passato ci scivolano addosso Il Latina è comunque un avversario ostico, temibile con tante individualità: basti pensare a Danilevicius, ex in cerca di riscatto dopo le deludenti prestazioni nell’ultimo periodo, Barraco, ex del Trapani che con l’Avellino sembra aver sempre avuto un conto in sospeso, nonchè i centrocampisti Burrai e Sacilotto».

Sanderrra dal canto suo anche se annuncia di non volere grandi stravolgimenti nell’assetto della squadra, sta spingendo molto in allenamento e punta galvanizzare i giocatori per ridare slancio al morale messo k0 da una raffica di sconfitte.

L’evento sarà trasmesso da SportItalia.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto