CRISI ACQUALATINA. DICHIARATI 73 ESUBERI
I sindacati propongono contratti di solidarietà

Roberto CecereLATINA – Settantatré esuberi sono l’esito dello stato di crisi dichiarato da Acqualatina. La cifra, che corrisponde al sacrificio di posti di lavoro chiesto dalla società, è stata resa nota nel corso dell’incontro con i sindacati tenutosi venerdì pomeriggio, insieme ai numeri sullo stato di difficoltà finanziaria del gestore idrico: la società è gravata da un insoluto pari a 65 milioni di euro di bollette non pagate dagli utenti, è alle prese oggi con un calo dei consumi e con l’intervento dell’autorità per l’Energia che modifica in maniera determinante l’attuale logica tariffaria, è la sintesi di una nota ufficiale.

“In questo contesto sicuramente difficile e preoccupante – dichiara il Presidente di Acqualatina, Avv. Giuseppe Addessi – c’è da parte nostra la più ampia disponibilità a valutare assieme alle parti sociali, per quanto possibile, le misure più opportune allo scopo di minimizzare l’impatto sociale della vertenza, sua sull’occupazione che sui servizi da garantire alla collettività”.

I sindacati al tavolo, dal canto loro, hanno respinto la dichiarazione dei 73 esuberi con la proposta di applicare a tutto il personale i contratti di solidarietà, come ha spiegato  Roberto Ccecere, segretario della Femca Cisl al microfono di Francesca Balestrieri

cecere acqualatina

Il prossimo incontro è fissato per il 20 maggio, la società chiede che si giunga ad un accordo nel più breve tempo possibile.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto