ANZIO, RISCHIA DI AFFONDARE IN PORTO
Barca da 17 metri “salvata” dalla Capitaneria

Shares

unita in procinto di affondareANZIO – La Guardia Costiera di Anzio ha diretto nel primo pomeriggio circa le operazioni di messa in sicurezza di una imbarcazione da diporto lunga circa 17 metri ormeggiata in porto lungo il Molo Innocenziano. L’emergenza è scattata alle 15 circa quando la Sala Operativa della Guardia Costiera ha ricevuto l’allarme da un motopeschereccio che, rientrando in porto aveva notato l’imbarcazione da diporto agli ormeggi, in procinto di affondare.

Immediato l’intervento del personale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio, diretto dal tenente di vascello  Luigi VINCENTI. La barca in legno, di 17 metri di lunghezza, era ormai prossima all’affondamento vista la notevole quantità di acqua già imbarcata. Grazie ad un intervento durato oltre due ore e con l’ausilio dei vigili del fuoco l’affondamento è stato scongiurato: messe in funzione alcune pompe di esaurimento lo scafo, che non presentava falle,  si è alleggerito.  La successiva ispezione alla sala macchine svolta dal personale della Guardia Costiera, permetteva di rilevare il problema e di intercettare e chiudere la valvola a scafo dalla quale era entrata l’acqua. Le operazioni sono state complicate non poco dalla pioggia battente e dal vento.

“Un affondamento in porto  – spiegano dalla capitaneria – oltre a costituire un potenziale pericolo per l’ambiente marino per lo sversamento in mare di carburante presente a bordo avrebbe anche compromesso la sicurezza della navigazione e portuale all’interno dello scalo Neroniano, proprio nel periodo estivo durante il quale, anche grazie all’intervento di escavo già in corso, aumentano i traffici e le attività marittime in genere”.

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto