FONDI: OPERAZIONE SKIPPER
Quindici condanne in Tribunale

Shares

carabinieri

FONDI– Ultimo atto oggi del processo per l’operazione Skipper che aveva portato nel maggio del 2012 all’arresto di 16 persone tra Fondi e Terracina da parte dei carabinieri. Le accuse per gli imputati che sono stati condannati nel primo pomeriggio dal giudice Mara Mattioli sono quelle di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Le pene complessive ammontano a quasi sessanta anni di reclusione e variano tra i sei anni e 30mila euro di multa, ad una pena minima di due anni. Un’imputata invece ha deciso di scegliere il rito ordinario ed è stata rinviata a giudizio davanti al Tribunale di Terracina. Le indagini erano scattate dopo la morte di un ragazzo di Sperlonga ucciso da un’overdose e avevano portato gli investigatori a tracciare una rete di spaccio di eroina nel sud pontino. Queste le condanne nel dettaglio: quattro anni e sei mesi per Fabrizio Terella, quattro anni e due mesi per Eleonora Pennacchioli, sei anni per Mirko Biaggiotti, quattro anni per Mattia Di Maro, due anni per Francesco Iacovolta, sei anni per Fabio Bartolomei, cinque anni per Claudio Grossi, due anni per Sara Tramonti, quattro anni per Davide Antonetti, stessa condanna anche per Delio Polinelli, quattro anni e due mesi invece per Luigi Gloriani, tre anni e sei mesi per Mario Russo, due anni e otto mesi per Michelino Mattei. Quattro anni e due mesi per Marina Beltrame; stessa pena anche per Luigi Leone. Sarà processata invece con il rito ordinario in Tribunale a Terracina Mariana Chirila, il processo per lei inizierà il 25 novembre.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto