LIBRI/ LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO
La teoria di Violini e Vittadini

LA COPERTINA DEL LIBRO: LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO

LA COPERTINA DEL LIBRO: LA SFIDA DEL CAMBIAMENTO

LATINA – Rapporto tra sussidiarietà e solidarietà, come applicare il welfare sussidiario nel contesto italiano? Mercoledì 22 maggio alle 17.30, presso la Sala della rappresentanza del Comune di Latina, Compagnia delle Opere Roma e Lazio, Confartigianato Latina e la Fondazione per la Sussidiarietà presentano il volume “La sfida del cambiamento. Superare la crisi senza sacrificare nessuno” di Lorenza Violini e Giorgio Vittadini.

“Uscire dalla crisi ripartendo dal “basso”: uno scenario, quello attuale, la cui responsabilità non riguarda esclusivamente i leader dei governi e dell’economia ma anche il singolo cittadino a cui non è più riservato il ruolo di semplice spettatore. Stando alle recenti ricerche sulla sussidiarietà è vero il contrario – spiega  nel volume Vittadini – autore del testo e Presidente della Fondazione per la Sussidiarietà – evidenziando il dissesto economico e le tensioni sociali che stanno mettendo in ginocchio l’Europa, come «il segno di una ben più profonda e radicata crisi culturale».

 A venire meno non sono soltanto le istituzioni governative ma – si afferma nell’introduzione – «i paradigmi ideologici e le certezze che per anni le hanno sorrette. È necessario un ripensamento delle pratiche di gestione del bene comune, un cambiamento che riaffermi la priorità delle iniziative sorte “dal basso” e che rimetta al centro della vita civile l’uomo, la famiglia e tutti quei soggetti sociali dei quali, per troppi anni, si è rifiutato di riconoscere la funzione pubblica».

 Da qui l’esigenza di ripartire dal basso, riconoscendo l’importanza delle attività anche più piccole. Presenti all’incontro – oltre all’autore Giorgio Vittadini – Marcello Piacentini, Presidente CDO Roma e Lazio, e Ivan Simeone, Direttore Confartigianato Latina, che si confronteranno con le imprese sociali per individuare le riforme necessarie per uscire dalla crisi senza sacrificare i più deboli, guardando a esperienze positive che hanno fornito risposte efficaci.

L’evento è aperto al pubblico.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto