RAPINO’ 8000 EURO A DIPENDENTE AGIP
Arrestato dalla Polstrada Carlo Peluso. La sequenza in un video

Shares

Carlo Peluso

Carlo Peluso

LATINA – E’ stato arrestato dagli agenti della Polizia Stradale di Latina, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale, Costantino De Robbio, Carlo Peluso 32 anni residente nel capoluogo.  Era agli arresti domiciliari in una comunità di recupero a Viterbo. Le prove scientifiche raccolte lo incastrano come l’autore della rapina ai danni di una dipendente del distributore Agip di Borgo Faiti avvenuta il 12 marzo del 2012 mentre la donna si apprestava a versare 8000 euro (l’incasso della giornata) presso la filiale della Banca Popolare di Aprilia della frazione. L’uomo, con numerosi precedenti specifici, un mese più tardi assaltò, insieme ad un complice, il distributore Fiamma Duemila, in una rapina finita nel sangue, con il ferimento di due persone.

Come si può vedere dalle immagini riprese dalle telecamere  dell’istituto di credito e di una vicina farmacia, Peluso e un complice già identificato, si fanno lasciare sul luogo della rapina da un’auto con a bordo due persone, che poi si allontanano; si calano i passamontagna sul volto, aggrediscono la donna mentre è ancora in auto sfondando con il calcio della pistola il finestrino, trascinano fuori dall”abitacolo la ragazza terrorizzata, la gettano a terra, infime prendono l’auto con il bottino e fuggono. Nel frattempo un’amica della ragazza, a bordo di una seconda auto (visibile nel filmato) chiama il 113, ma viene vista dai rapinatori che con l’auto in fuga urtano la sua vettura rendendola inutilizzabile.

Qualche ora più tardi la Polizia Stradale ritrova la macchina della vittima abbandonata in Via San Francesco, e vi trova all’interno uno dei due passamontagna. Il reperto, insieme al secondo passamontagna trovato in un giardino poco distante, inviati nei laboratori della Scientifica, consentono di risalire al codice genetico di Peluso come ha spiegato il comandante della Polizia Stradale, Francesco Cipriano ASCOLTA

cipriano 16

 Le foto della sequenza

[nggallery id=89]

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto