SANITA’, LA RIFORMA DEI COMITATI ETICI
Ridotte a sei (da 34) le strutture nel Lazio

corsia-ospedaleLATINA – La Giunta regionale del Lazio vara la rivoluzione dei Comitati etici, strutture poco conosciute del sistema sanitario regionale “ma che giocano  – sottolinea in una nota la Regione – un ruolo essenziale e strategico a tutela dei cittadini”.

I Comitati etici infatti sono quegli organismi che autorizzano la sperimentazione clinica di nuovi farmaci. La cosiddetta terza fase in cui si verifica la validità finale del nuovo prodotto. Se non ha il via libera del Comitato etico il farmaco viene bloccato. Attualmente la rete era disarticolata in ben 34 strutture, una per ogni Asl, grandi Ospedali pubblici e privati, Fondazioni, Ircss, Policlinici universitari, il Bambin Gesù e altri ospedali classificati. Con la delibera approvata dalla Giunta regionale cambia tutto e si attua una profonda riorganizzazione che ne lascia attivi solo 6 più uno specifico per tutti gli Irccs.

“Con questo atto – spiega Zingaretti – la Regione Lazio è la prima in Italia a rendere operativa la riforma contenuta nel decreto ministeriale pubblicato nella Gazzetta ufficiale n.96 dello scorso 24 aprile, decidendo di agire subito per immettere in questo sensibilissimo segmento del sistema sanitario trasparenza e regole di funzionamento certe e uguali per tutti”. Nel Comitato etico 6  confluirà tra le altre, la Asl  Latina.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto

CHIUDI IN BASSO A DESTRA