MINA AL PORTO SALVO
Oggi la deflagrazione in altromare

brillamentoGAETA – Questa mattina, alle prime ore dell’alba, hanno avuto inizio le operazioni di bonifica della Darsena Porto Salvo di Gaeta dove lo scorso 24 ottobre era stata rinvenuta una mina antinave, risalente alla seconda guerra mondiale. Predisposto uno spiegamento di uomini e mezzi in mare e a terra per consentire lo svolgimento di tutte le fasi dell’operazione nella massima sicurezza. Chiuso anche il traffico di auto e pedoni sul Lungomare Caboto. Alle 7 i Palombari del Nucleo sminamento della Marina Militare di Comsubin, a bordo della motovedetta e del gommone della Guardia Costiera di Gaeta hanno dato inizio alla fase di sollevamento e trasferimento dell’ordigno verso la zona individuata per il brillamento. La mina antinave è stata trasferita, a lento moto, a circa 4 miglia a largo di Punta dello Stendardo, in un punto con fondale marino di 90 metri.

Raggiunta l’area interdetta, gli operatori subacquei del Nucleo sminamento hanno preparato la mina per la successiva deflagrazione, che è avvenuta alle ore 09,27.

Tutte le fasi dell’operazione di rimozione, trasferimento e brillamento sono state costantemente seguite dalla Prefettura di Latina

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto