Donne “comprate” in Albania e segregate a Sezze e Latina. Arrestato un albanese

Shares

arrestato mobile

LATINA – E’ stato arrestato a Fiumicino Gezim Bullari, ricercato in ambito internazionalee e accusato di essere parte di un’associazione per delinquere albanese, dedita allo sfruttamento della prostituzione di connazionali fatte entrare clandestinamente in Italia con la promessa di un lavoro. Al loro arrivo in Italia le ragazze sono state segregate in appartamenti situati nei dintorni di Latina ed a Sezze. Nel corso delle indagini è emerso che  BULLARI e i suoi complici, tra cui anche pontini, hanno anche contratto falsi matrimoni con le ragazze, tutte giovanissime, per celare l’attività di sfruttamento della prostituzione. Dalle indagini è emerso che il sodalizio criminale, “acquistava” le ragazze da avviare alla prostituzione da connazionali residenti in Albania. Contestato dunque altre il reato di schiavitù. BULLARI dovrà scontare la pena di 16 anni di reclusione per i reati di sfruttamento della prostituzione, riduzione in schiavitù, tratta di esseri umani ed associazione per delinquere.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto