Associazioni di categoria e Comuni sottoscrivono documento su fiscalità

L'incontro si è svolto oggi presso la Facoltà di economia

Shares

FOTO 17 MARZO 2014LATINA – La crisi può essere un’opportunità di confronto e di proposta, per questo le associazioni di categoria ed Amministrazioni Locali sottoscrivono un documento in materia di fiscalità locale da inviare al Presidente del Consiglio e al Governo. Sinergia, confronto, progettualità comuni sono le soluzioni dalle quali partire per affrontare le problematiche della fiscalità locale e la gestione efficace dei rifiuti.

L’incontro si è svolto questa mattina presso l’Università La Sapienza Facoltà di Economia di Latina ed era organizzato da Rete Imprese per l’Italia Provincia di Latina e Intesa PMI 99.0,a cui hanno aderito i Comuni della Provincia, aveva come obiettivo la sottoscrizione di un documento congiunto in materia di fiscalità locale da inoltrare al Presidente del Consiglio dei Ministri, Dott. Matteo Renzi, e ai Ministri Competenti, nonché al Presidente della Regione e al Prefetto.

E’ stata, però, anche una importante opportunità per un confronto tra pmi e rappresentanze degli Enti Locali ,su materie sensibili come la pressione fiscale, il rilancio del tessuto socio-economico ,la gestione efficace e produttiva della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti.

L’incontro è stato aperto dal dr Salvatore Di Cecca, direttore di Confcommercio Latina e di Rete Imprese per l’Italia Latina ,che ha ringraziato per l’ospitalità la Facoltà di Economia nella persona del Prof Quattrociocchi;“l’Università- ha dichiarato Di Cecca –è sempre disponibile a sostenere le iniziative di sinergia e di confronto sul territorio, a riprova che fare sistema sta divenendo un modus operandi chiave per il nostro tessuto socio-economico”

Il Dr Di Cecca ha ribadito che l’incontro di stamane è un ulteriore conferma della produttiva sinergia tra le Associazioni di Categoria delle pmi ,testimoniata ormai da tempo dalla nascita di Rete Imprese per l’Italia Latina e Intesa PMI 99.0;una sinergia che fa auspicare un nuovo modello di governance delle problematiche del mondo imprenditoriale e che ha visto già i suoi segnali concreti nell’incontro a Latina del 18 dicembre 2013 sui Fondi europei e la Manifestazione del 18 febbraio a Roma a Piazza del Popolo .

Nel passare la parola alle Autorità presenti (Sindaci dei Comuni ,Sen. Moscardelli)e ai relatori tecnici ,Di Cecca ha concluso ribadendo che “L’incontro di oggi – unico nel panorama nazionale promosso dalle Associazioni di Categoria dopo la straordinaria manifestazione unitaria del 18 febbraio scorso a Roma, alla quale parteciparono oltre 60 mila imprenditori di tutte le categorie – vuole rappresentare un’opportunità per tutti – imprese, Sindaci e Governo Nazionale – per correggere una impostazione politica che ha prodotto un carico fiscale insostenibile per tutti e per dare risposte alle nostre Comunità, per proporre soluzioni, per progettare strategie efficaci per superare la crisi e definire il futuro.”

Il Sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi ,nel porgere il saluto della città, ha voluto sottolineare la difficoltà oggettiva che i Comuni stanno attraversando nel dare risposta sia alle indicazione del Governo Nazionale che alle regole del patto di stabilità nonché alle esigenze delle comunità –imprese, cittadini, stakholder socio-economici.

“Noi Enti Locali –ha ribadito il Sindaco Di Giorgi-abbiamo applicato una spending rewiew più netta di quella del Governo Nazionale ma abbiamo necessità di semplificazione normativa e legislativa e di flessibilizzazione dei vincoli del Patto di Stabilità; non può un Comune virtuoso non investire ed assumere il ruolo di esattore unico e pressante nei confronti dei suoi amministrati”

“ Ci auguriamo” ha concluso Di Giorgi “che i segnali di cambiamento che stanno venendo dal Nuovo Governo si mantengano e si rafforzino”

In merito alle nuove linee del Governo è intervenuto il Senatore Claudio Moscardelli che ha sottolineato ,in primo luogo, l’importanza che le imprese facciano sistema in un momento di cambiamento e di iniziale ripresa come l’attuale.” E’ necessario, infatti-ha dichiarato il Senatore Moscardelli -sbloccare il Paese cogliere i trend positivi, anche ridefinendo, per alcune voci ,il Patto di Stabilità e ripensando il livello di pressione fiscale sulle pmi ,;la situazione attuale , infatti, incide negativamente sugli EE LL e sul loro rapporto con i territori”

“Lavoreremo ,a livello nazionale ed io in prima persona, su semplificazione, innovazione ,oneri contributivi impropri, energia per sostenere imprese ,lavoratori ed EE .LL.

Parole chiave di questo nuovo clima di fiducia voluto dal Governo sono: economia, sociale, riforme” ha concluso il Senatore Moscardelli.

E’ intervenuto, nella sua funzione trasversale e di sistema ,in quanto Presidente pro tempore di Rete Imprese Italia della Provincia di Latina e Intesa PMI 99.0 e della Camera di Commercio di Latina-Vincenzo Zottola che ,nel ringraziare le Associazioni e gli Amministratori Locali presenti ,ha ribadito che “ e’ indubbio che la pressione fiscale nazionale e locale che coinvolge le imprese piccole e medie – ma anche le medio- grandi- è molto incidente e limita sia la possibilità di innovazione e di mantenimento dei livelli occupazionali, fino ad arrivare, a volte, alla chiusura. Ciò ha un impatto negativo non solo sulle imprese ma anche, direi addirittura soprattutto sulla vitalità, attrattività ,sviluppo delle città e delle sue comunità”

E ancora ha affermato Zottola “voglio ribadire che le imprese locali in primis e le loro Associazioni di rappresentanza sono assolutamente favorevoli alla raccolta differenziata e ad uno smaltimento sostenibile e efficace dei rifiuti; è una tendenza internazionale ma ,particolarmente ,strategica e imprescindibile in un territorio ,come quello della provincia di Latina, vocato al turismo, all’ambiente come valore socio-economico, all’economia del mare, all’agricoltura di qualità ,alla valorizzazione del prodotto tipico ecc..; ma l’ulteriore aggravio fiscale che deriva dall’attuale modello è ormai insostenibile.

Oggi le Associazioni di Categoria non vogliono e non possono svolgere soltanto un ruolo di mera contrapposizione e conflittualità nei confronti degli Enti Locali, del Governo ed ,in generale delle Istituzioni, in particolare, ritenendo importante l’azione di sistema e di governance di cui la Camera di Commercio-che presiedo con convinzione e impegno”. “Solo insieme si può” ha concluso il presidente Zottola ringraziando i sindaci per la loro disponibilità al confronto. A conferma e a rafforzamento dell’esigenza di questa sinergia tra imprese e Comuni è intervenuto il Sindaco di Formia Sandro Bartolomeo che ha dichiarato “è’ opportuno che su queste vicende non ci si divida. Attacchi ai singoli Comuni, iniziative solitarie e locali non producono risultati. La soluzione va cercata a livello superiore, globale, nell’Anci, laddove vi sia la concreta possibilità di incidere nella trattativa col governo. Anche in presenza di pratiche virtuose, gli sforzi per abbassare i costi del servizio sono vanificati dalla mancanza di impianti industriali per il trattamento dei rifiuti. Questo ci espone ai privati che in tutti questi anni si sono arricchiti con i soldi dei Comuni”.

Sull’esigenza di trovare nuove soluzioni in materia di gestione e smaltimento dei rifiuti è intervenuto il Sindaco di Cisterna Merolla che ha presentato la best pratice del suo Comune e che ha invitato tutti a fare pressione per la promozione di una politica nazionale della gestione dei rifiuti che possa portare ha concluso “ad un’equità fiscale e ad un’ottimizzazione della gestione ambientale per imprese e territori”

Sono intervenute, sul piano tecnico sia fiscale che ambientale, la Dott.ssa Nuzzi della Confcommercio Nazionale-settore ambiente e la Dott.ssa Viola sempre della Confcommercio Nazionale –area Tributaria che hanno confermato con dati ed approfondimenti indicazioni e proposte emerse dall’incontro.

Erano presenti ,oltre ai direttori e i Presidenti delle Associazioni Aderenti a Rete Imprese per l’Italia Latina e a Intesa PMI 99.0 e a numerosi imprenditori ,i rappresentanti dei Comuni di Cisterna di Latina, Castelforte, Cori ,Formia, Latina ,Lenola, Minturno; Maenza, Roccagorga, Sperlonga, SS Cosma e Damiano, Sezze, Terracina e Ventotene che ha direttamente sottoscritto il documento; gli altri Comuni della Provincia hanno dichiarato la loro adesione e sottoscriveranno il documento nei prossimi giorni.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto