Dopo la decisione del Prefetto la società Terracina calcio si dimette

La nota affidata alla pagina Facebook

stadio colavolpeLATINA – Dopo la decisione del Prefetto D’Acunto di chiudere lo stadio Colavolpe di Terracina, la società ha deciso di dimettersi in blocco. La comunicazione è stata affidata alla pagina Facebook del Terracina Calcio: “Ci spiace che gli sportivi e i tifosi che vogliono il bene del Terracina non possano godere di un pomeriggio spensierato. Probabilmente gli autori di questi comportamenti, puniti singolarmente dalla giustizia ordinaria…, non si rendono conto dei disagi che provocano alla collettività. Pur mantenendo fede agli impegni sportivi fino al termine della stagione, il consiglio d’amministrazione della società e la dirigenza tutta rassegnano le dimissioni.
Pur accettando la decisione del Prefetto ci rendiamo conto che questo provvedimento restrittivo punisce soltanto la parte sana dei sostenitori, che è la quasi totalità dei presenti allo stadio. Penalizza inoltre la società che ha ratificato degli accordi economici importanti con gli sponsor. Da parte nostra crediamo di aver messo il massimo impegno anche nel sostentamento dell’ordine pubblico, cercando una collaborazione positiva con i tifosi stessi”, concludono.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto