Attività produttive, Moscardelli presenta un disegno di legge

Focus sul territorio pontino che dispone ancora di un sistema industriale importante

Claudio Moscardelli

Claudio Moscardelli

LATINA – La prossima settimana presenterò un nuovo disegno di legge che ha come obiettivo la creazione di un contesto più favorevole alla crescita delle attività produttive nel nostro Paese e quindi nel nostro territorio che dispone ancora di un sistema industriale importante. Da ultimo il comparto chimico farmaceutico della nostra provincia dimostra di essere, per numeri e per capacità di esportazione dei prodotti, leader nel Paese. Lo scopo è quello di aumentare le opportunità occupazionali e la crescita del reddito nazionale. Le imprese sono gli attori principali del processo che porta alla creazione di nuovi posti di lavoro e quindi alla crescita del benessere della comunità. In un’economia globalizzata caratterizzato da un elevato tasso di concorrenza fiscale è fondamentale una politica economica che riduca i fattori determinanti della bassa competitività del nostro sistema industriale. La centralità dell’impresa e la necessità di un intervento legislativo in grado di promuoverne la competitività sono le coordinate della presente proposta di legge che vuole sostenere le nostra aziende che, nonostante un’alta pressione fiscale, sono state capaci di conquistare nuove quote di mercato a livello internazionale. L’Italia del talento creativo ed imprenditoriale può essere rimessa in corsa ed esplicare il suo enorme potenziale: il PD è il naturale interprete di una svolta politica e culturale che riformi e modernizzi il nostro Paese per sostenere la spinta della nostra impresa manifatturiera, dell’economia creativa e della qualità dei prodotti italiani. Il Disegni di Legge sarà presentato a livello nazionale e a livello territoriale. Insieme al Segretario Provinciale del PD La Penna, al capogruppo Cozzolino e ai responsabili di settore dell’esecutivo provinciale avvieremo un percorso di confronto sulle proposte per lo sviluppo e l’occupazione della nostra provincia legando misure nazionali, regionali e territoriali che si traducano in misure di governo a tutti i livelli. Il Disegno di Legge sarà incentrato tra le altre misure su: 1) Credito di imposta del 5% sul costo del lavoro, ossia sul costo sostenuto dalle imprese per gli oneri sociali e previdenziali; 2) Misure volte ad ottimizzare il trasferimento tecnologico della conoscenza dalla ricerca tecnico scientifica alle imprese con i Poli tecnologici per Ricerca e Sviluppo e con il finanziamento strutturale del credito di imposta per la ricerca che riguardi tutti gli investimenti, sia quelli ricorrenti che gli incrementi; 3) Taglio dell’IRES di 1,5% ; 4) rafforzamento del taglio dell’IRAP attraverso la deducibilità del costo del lavoro dalla base imponibile; 5) Piano di Sviluppo Economico Locale adottato dal Comune ed efficace dopo l’approvazione da parte del C.I.P.E. per il migliore utilizzo dei fondi strutturali europei che abbia come centro l’innovazione e la ricerca, la semplificazione, la digitalizzazione e la banda ultralarga, l’internazionalizzazione, le agevolazioni fiscali per nuove imprese; 6) misure per favorire la conoscenza degli strumenti a sostegno dello sviluppo economico attraverso lo strumento “Desk Impresa” per favorire la conoscenza di incentivi e risorse per le aziende; 7) risorse per investimenti in opere pubbliche a partire da piccole opere pubbliche e soprattutto per comparto edilizio. In particolare puntare su tema dissesto idrogeologico e manutenzione patrimonio pubblico come scuole e case popolari; acquisto immobili da assegnare a case popolari e reintroduzione finanziamento strutturale per edilizia residenziale; Semplificazione massima per realizzare infrastrutture pubbliche come era per contributo ex gescal.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto