PROTESTA

Firme false sul Quotidiano Latina, Stampa Romana denuncia direttore ed editore

il quotidianoLATINA –  L´Associazione Stampa Romana ha dato mandato ai propri legali di attivare la procedura per comportamento antisindacale nei confronti della Qap e di Michele Cervo, casa editrice e direttore de Il Quotidiano di Latina. Nella giornata di ieri, nonostante lo sciopero a cui hanno aderito tutti giornalisti e tutto il personale poligrafico della testata, il direttore e l’azienda hanno confezionato un numero a 16 pagine del quotidiano utilizzando personale non dipendente della Qap e firmando persino alcuni pezzi col nome di colleghi che erano in sciopero. “Si tratta di un atto gravissimo – dichiara il segretario Asr Paolo Butturini – attuato a fronte della giusta protesta dei lavoratori per la mancata corresponsione delle retribuzioni di dicembre, della 13° mensilità e della redazionale dello scorso anno. L´opaco assetto proprietario de Il Quotidiano di Latina (erede della sciagurata vicenda che coinvolse Latina Oggi e Ciociaria Oggi) , ha portato anche alle dimissioni dello storico direttore Alessandro Panigutti. Tutto ciò è frutto di una situazione dell´editoria in quella parte della Regione che si trascina da un fallimento a una momentanea rinascita per finire in un´altra chiusura e che vede imprenditori locali improvvisarsi editori senza piani industriali, piani editoriali e senza strategie di marketing. I risultati sono la continua perdita di posti di lavoro, la penalizzazione delle professionalità e le limitazioni al pluralismo in una zona che per le note penetrazioni della malavita organizzata, avrebbe bisogno di un´informazione libera e autorevole”.

GRAFICI – Dopo lo sciopero di ieri del personale giornalistico e grafico della QAP srl, la società che edita Il Quotidiano di Latina, la segreteria SLC CGIL di Frosinone e Latina, in rappresentanza dei lavoratori grafici, fa alcune precisazioni, sottolineando che l’avvicendamento alla direzione del quotidiano non può essere un pretesto per ulteriori temporeggiamenti. Ricordiamo all’editore – spiega Bruno Cralo, il segretario della Cgil di categoria – la disponibilità nella ricerca di un percorso di StartUp contrattuale, per il primo anno del settore grafico. Oggi leggiamo, invece, nella risposta dell’editore, di un esiguo ritardo dei pagamenti, con la decisione unilaterale dello slittamento del pagamento della mensilità a 30 giorni e la dilazione sulla tredicesima su sette mesi, cose condivise solo con il settore giornalistico. Riteniamo – conclude la nota – necessario e urgente un confronto che porti chiarezza sullo stato della testata“.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto