Il caso

Dirty Soccer, Capitani condannato a 5 anni

Per l'imprenditore di Cisterna anche un'ammenda di 80mila euro. Retrocessa la Torres

Shares
foto da seftorrescalcio.it

foto da seftorrescalcio.it

ROMA- La Corte d’Appello Federale ha condannato a cinque anni di inibizione e preclusione e ad un ammenda di 80mila euro Domenico Capitani, imprenditore di Cisterna ma anche  presidente della Torres, la società sarda è stata coinvolta nell’inchiesta sulle partite truccate ed  è stata retrocessa dal campionato di Lega Pro in serie D. Soltanto il terzo grado di giudizio adesso potrebbe ribaltare nuovamente la sentenza.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto