prostituzione

Ragazze portate dall’Est Europeo ad Aprilia per prostituirsi, coppia in manette

Arrestati un rumeno di 31 anni e una ragazza moldava di 22. Lui nascondeva anche armi

armiAPRILIA – Sono stati arrestati dai carabinieri del Reparto Territoriale di Aprilia con l’accusa di “aver avviato, diretto nonché favorito e sfruttato l’esercizio della prostituzione altrui su strada”  A. M., 31enne di origini rumene e la sua giovane convivente, B. M., moldava di 22 anni, entrambi già conosciuti alle forze dell’ordine. Sulla carta disoccupati, in realtà i due gestivano un giro di prostitute che avevano portato in Italia con la loro auto da vari paesi dell’Est europeo. A Campoverde le avevano messe sulla strada costringendole a versare il 70% dei profitti. Le manette sono scattate in esecuzione  misura cautelare emessa dal Tribunale di Latina.

I carabinieri nel corso della perquisizione eseguita al momento dell’arresto hanno scoperto anche che lui nascondeva sotto il materasso della camera da letto, due pistole illegali e hanno sequestrato  una Ruger calibro 22, e 53 cartucce dello stesso calibro; una pistola Beretta cal 7,65 con 5 cartucce stesso calibro, risultata rubata. E’ scattata per l’uomo la denuncia per ricettazione,  detenzione illegale di arma da fuoco, e di arma clandestina e relativo munizionamento.
L’arrestato è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Latina, mentre la ragazza a Rebibbia.

1 Commento

1 Commento

  1. Francostars

    20 Gennaio 2016 alle 14:50

    In ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali, per non dire di osservare le stesse professioniste con uno smartphone in mano ed anche un’autovettura a disposizione. La risposta a tutto questo è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

Lascia un commento

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto