cronaca

Ladri di gasolio, sgominata una banda di Latina

Avevano escogitato un meccanismo molto complesso

CARABINIERI GENERICA ANTONIOLATINA – I Carabinieri del Comando Provinciale di Latina hanno arrestato gli autori di un elaborato piano per asportare grandi quantitativi di gasolio dall’oleodotto Gaeta -Pomezia. Ieri la squadra di vigilanza addetta al monitoraggio dell’oleodotto ha avvisato i Carabinieri di un possibile allaccio abusivo nella zona di Latina, in Via Albanese. I militari sono intervenuti sul posto e grazie all’ausilio dei tecnici dell’ENI sono riusciti a risalire alla tubatura abusiva. I militari si sono trovati davanti un capannone industriale, all’interno del quale era stato realizzato un complesso meccanismo che collegava la tubatura di aspirazione ad un congegno che ne regolava il flusso di aspirazione, al fine di bypassare i sistemi di monitoraggio dell’ENI. Si tratta di un sistema di pompaggio ad erogazione controllata che consente di aspirare piccoli quantitativi di carburante, rendendo difficile la captazione della diminuzione di pressione. Il carburante sottratto veniva immagazzinato in due grandi sacche in materiale plastico della capienza di 50.000 litri circa cadauna, quasi completamente riempite, per essere successivamente trasferito. I Carabinieri hanno consentito quindi ai tecnici di interrompere l’erogazione abusiva e di mettere in sicurezza l’oleodotto, effettuando poi un servizio di appiattamento all’interno del capannone che ha consentito di sorprendere i due “addetti” al macchinario, che ignari di tutto sono entrati nel capannone nel corso alle prime ore della mattinata. Bloccati e arrestati un 40 enne, Lituano e un 46 enne, di origini russe, entrambi incensurati. Gli arrestati sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza in attesa del giudizio direttissimo, disposto dal Marco GIANCRISTOFORO, che ha coordinato l’operazione.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto