sindacale

Edilizia, un settore sempre più in crisi

Eletto il nuovo segretario regionale della Filca Cisl

strada-stataleLAZIO – Fabio Turco è stato eletto nuovo segretario generale della Filca Cisl del Lazio. Succede a Stefano Macale, alla guida del sindacato dal 2010. La nuova segreteria è inoltre composta da Marco Federiconi , segretario generale della Filca Cisl di Roma e da Francesco Rossi, segretario generale della Filca Cisl Lazio Sud (Latina e Frosinone).Turco 44 anni, lascia la Filca viterbese dopo 21 anni di attività sindacale.

Nel corso della conferenza di presentazione sono stati forniti anche i dati relativi al settore edile in provincia di Latina e i numeri attestano una crisi in atto davvero grave: Latina nell’ultimo biennio hanno perso il posto di lavoro 1.197 operai e hanno chiuso 178 imprese, cinque anni fa gli addetti erano 12mila oggi meno di seimila.

Quello che serve subito è un incontro con le amministrazioni: “Da anni chiediamo di sederci al tavolo per risolvere i problemi: ma spesso da loro non abbiamo avuto risposte. Ma i problemi sono tanti: nella maggior parte dei cantieri non si paga lo stipendio da mesi e la legge Fornero impedisce agli edili di andare in pensione e li fanno lavorare a 67 anni. Tutto questo è inaccettabile in una regione che avrebbe invece la necessità di essere ricostruita a partire dalla messa in sicurezza degli edifici scolastici, alla riqualificazione delle periferie, alla sistemazione del manto stradale. Diversi imprenditori inducono i propri dipendenti ad aprire la partita iva per eludere i costi del lavoro subordinato e evadere le più elementari norme di sicurezza, contributi previdenziali e fisco. Questi dati ci raccontano di un settore che sta scomparendo ma che deve ripartire. Crediamo che l’edilizia rappresenti tuttora il volano dell’economia e bisogna ripartire dalla buona edilizia, in primo luogo dalle opere per la messa in sicurezza del territorio e la prevenzione dei dissesti idrogeologici.”

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto