SINDACALE

Polizia Locale di Aprilia in stato di agitazione. Chiesto l’intervento del Prefetto

Cisl: "Se non ci saranno risposte immediate sarà sciopero”

Municipale

APRILIA – Il Reggente della Cisl Funzione pubblica di Latina Roberto Chierchia ha “Chiesto l’intervento del Prefetto di Latina per la serie di gravi problematiche che affliggono da circa un anno la Polizia Locale di Aprilia. Se non ci saranno risposte immediate sarà sciopero”, annuncia.

La vertenza è partita a dicembre dello scorso anno quando la Giunta andò a modificare senza alcuna informativa alle rappresentanze sindacali l’orario di servizio del personale della Polizia Locale. Solo dopo aver evidenziato una serie di errori eclatanti e proclamato lo stato di agitazione, l’avvio del nuovo orario è solo slittato al 1 marzo 2016, creando “una sensibile diminuzione dei servizi offerti alla cittadinanza dal lunedì al venerdì, infatti si è passati dalle 7 ore di servizio giornaliero a meno di 6 ore, nonché ad una diminuzione del salario accessorio dei dipendenti dato che ad oggi i dipendenti devono essere ancora pagati. In seguito la Giunta Comunale ha attribuito i gradi al personale suscitando molto malumore tra i lavoratori, anche perché ancora oggi non riusciamo a comprendere quali criteri siano stati adottati dal Comandante e per quale motivo ad alcuni non siano stati nemmeno richiesti i curricula vitae per la loro valutazione, avendo gli stessi diritti. Successivamente il personale ha ricevuto una sensibile diminuzione dei punteggi che attribuiscono la quota di performance relativa alla produttività dei dipendenti relativa all’anno 2015, una diminuzione tra i 50 e 70 punti, che non è in alcun modo comprensibile viste le medie dei lavoratori negli ultimi anni, creando ancora una volta una diminuzione del loro salario accessorio. Poi da marzo 2016 i lavoratori della Polizia Locale non ricevono la liquidazione delle indennità, compresa quella di turnazione, e l’Amministrazione ha già annunciato, che nonostante la vigenza del contratto decentrato del 2015, dato che ad oggi non è stato ancora sottoscritto alcun accordo per la ripartizione del salario accessorio per il 2016, non intenderà pagare l’indennità festiva. Tutto ciò con una dotazione organica inferiore al 50% rispetto quella di diritto e senza alcun investimento per il miglioramento dei servizi, finanziamenti reperibili dai proventi contravvenzionali, come previsto dal codice della strada, utilizzabili per progetti di produttività, rinnovo del vetusto parco auto, acquisto del vestiario e soprattutto per incrementare la previdenza complementare dei lavoratori.
Anche lo stallo delle trattative sulla ripartizione del fondo del salario accessorio di tutti i dipendenti del Comune di Aprilia, non sta in alcun modo aiutando la risoluzione delle vertenze, la netta posizione di contrarietà della parte pubblica sulle progressioni economiche orizzontali blocca di fatto, a nostro parere, le carriere e la valorizzazione dei dipendenti”.
Inoltre pochi giorni fa il Dirigente alle Risorse Umane ha emanato una determinazione dirigenziale per la liquidazione dello straordinario a tutto il personale del Comune di Aprilia, con la sola esclusione di quello della Polizia Locale.
“Una situazione paradossale e incomprensibile, un vero ennesimo colpo diretto ai lavoratori della Polizia Locale di Aprilia, sgomenti da una serie di episodi nel corso dell’anno che li hanno colpiti in maniera totale sia professionalmente che nelle loro buste paga. Non comprendiamo quali possano essere i motivi di questi comportamenti che riteniamo contro i lavoratori della Polizia Locale da parte sia della componente politica che tecnica del Comune, che hanno già causato pesanti ripercussioni sul salario dei lavoratori ma anche ai budget delle loro famiglie”.
La CISL FP di Latina ha quindi proclamato lo stato di agitazione del personale e chiesto l’intervento del Prefetto di Latina, al quale è stato inviato il tentativo di conciliazione obbligatorio, tra cui sarà considerato anche lo sciopero, iniziative che saranno decise nelle assemblee previste per lunedì 12 settembre dalle ore 12 alle ore 15,30, per i due turni lavorativi. Saranno approvate anche le iniziative legali per chiedere all’Amministrazione l’immediato pagamento delle indennità e dello straordinario inspiegabilmente ancora non erogato.
“Speriamo che il Prefetto e l’Amministrazione possano nei prossimi giorni convocarci al più presto ad un tavolo di trattativa per trovare una giusta mediazione che possa garantire l’erogazione dei servizi ai cittadini ed il giusto salario e investimenti per i dipendenti, per svolgere al meglio le loro attività”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto