eccellenze

Vini coresi da Oscar: sono il Pozzodorico, l’Ercole, lo Chardonnay e il Capolemole

La Guida BereBene 2017 del Gambero Rosso ha attribuito il riconoscimento 2017 a quattro vini

Shares

paolo-carpineti-bibenda-2017CORI – Fine anno ricco di riconoscimenti per l’enologia corese. La Guida BereBene 2017 del Gambero Rosso ha attribuito l’Oscar qualità/prezzo 2017 a quattro vini di Cori: il Pozzodorico Bellone ’14 e l’Ercole Nero Buono ’13 della Cincinnato, lo Chardonnay ’15 della Tenuta Pietra Pinta della Famiglia Ferretti e il Capolemole ‘15 dell’Azienda Agricola Biologica Marco Carpineti.
Il prestigioso Oscar enoico viene attribuito ogni anno a quei vini che si contraddistinguono innanzitutto per l’ottimo rapporto qualità/prezzo, assestandosi sotto la soglia dei 13 euro. Il Pozzodorico, il Capolemole e l’Ercole sono prodotti dai due antichi vitigni autoctoni Bellone e Nero Buono di Cori, che le cantine locali hanno recuperato e valorizzato, in un felice connubio tra modernità e tradizione.
Non mancano le sperimentazioni di successo con i due vitigni autoctoni, come i due spumanti unici al mondo, il Brut Cincinnato, eletto migliore bollicine del Lazio da I Migliori Vini Italiani 2016 di Luca Maroni, e il Kius Extra Brut Rosé Carpineti incoronato con i 5 grappoli di Bibenda 2017. Entrambi sono ottenuti dalla vinificazione in purezza, rispettivamente del Bellone e del Nero Buono di Cori.
La Cincinnato inoltre ha vinto la medaglia d’argento con l’Illirio all’internazionale Grand Prix 2016 di Varsavia; è arrivata di nuovo in finale per i 3 Bicchieri della Guida Vini d’Italia 2017 del Gambero Rosso ed ha ottenuto il Certificato di Eccellenza Merano Wine Award 2016 per la produzione dell’Ercole Nero Buono ’13, garanzia di qualità superiore per il consumatore.
La viticoltura biologica e biodinamica di Marco Carpineti continua a dare un vino buono, pulito e giusto, in stile Slow Food, che anche per il 2017 gli ha attribuito la Chiocciola Slow Wine, quale unica azienda enologica in provincia di Latina a non utilizzare diserbanti chimici in vigna. E l’impegno ecosostenibile della Cincinnato gli è valso il Diploma EcoFriendly dalla Guida Vini Buoni d’Italia 2016.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto