cronaca

Terrorizzava l’ex compagna, un 39enne è stato arrestato a Terracina

L'uomo la seguiva, la picchiava e le inviava anche 100 sms al giorno. Era arrivato ad aggredire anche gli amici

TERRACINA – Gli agenti del Commissariato di Polizia di Terracina, in collaborazione con i colleghi di Chiusi-Chianciano Terme, hanno arrestato un 39enne di origini campane per minacce e aggressioni nei confronti della ex compagna. Gli arresti domiciliari sono stati disposti dal GIP del Tribunale di Siena su richiesta del pubblico ministero Menicucci, che ha coordinato le indagini svolte dalla Polizia.

La vittima è una donna di 45 anni residente in Valdichiana, che dopo aver sopportato a lungo la violenza del compagno ha chiesto prima aiuto a un’associazione locale e poi ha deciso di rivolgersi alla Polizia.
Dalle indagini è emerso che il 39enne non solo minacciava e offendeva continuamente la compagna, colpendola anche con calci e pugni, ma riversava le aggressioni anche su alcuni amici della donna, compreso l’ex marito.
La vittima era quotidianamente tempestata di telefonate e sms, anche cento in un giorno, la pedinava e la seguiva anche sul luogo di lavoro impedendole di condurre una vita normale. La situazione è precipitata a dicembre, quando la donna ha deciso di interrompere definitivamente la relazione con il 39enne che non rassegnandosi all’idea di perderla, ha minacciato di ucciderla o di suicidarsi.
Oltre agli arresti domiciliari l’uomo ha ricevuto anche l’ordine del giudice di non avvicinare la ex né di comunicare con lei come previsto nei casi di stalking.

3 Commenti

3 Commenti

  1. Germano Buonamano Mancaniello

    Germano Buonamano Mancaniello

    7 Marzo 2017 alle 18:58

    G.I.P. ti raccomando divieto di avvicinamento con il braccialetto elettronico monitorato H24 in un altra località altrimenti con una denuncia a piede libero è la denuncia stessa fatta dalla Donna ad non essere valida come al solito.

  2. Germano Buonamano Mancaniello

    Germano Buonamano Mancaniello

    7 Marzo 2017 alle 19:01

    Cioè in Italia per tirare fuori un braccialetto elettronico ci vogliono tre denunce assurdo se solo la si pensa che per il braccialetto elettronico sono stati finanziati due milioni di euri.

  3. jo

    7 Marzo 2017 alle 23:10

    Se ci rimane a I domiciliari! Impiccatelo!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto