latina

Pellegrinaggio alla casa del martirio di Santa Maria Goretti il 1 luglio

La festa liturgica della patrona di Latina è fissata per il 6 luglio

La casa del Martirio di Santa Maria Goretti

LATINA – Il prossimo 1° luglio si terrà il pellegrinaggio notturno alla Casa del martirio di Santa Maria Goretti, in preparazione alla festa liturgica della Patrona di Latina e dell’Agro pontino fissata al 6 luglio. Da questa edizione il pellegrinaggio diventerà un momento “diocesano” a tutti gli effetti, così ha voluto il vescovo Mariano Crociata. Considerando la grande devozione dei fedeli per Marietta, non solo a livello locale, da un punto di vista sostanziale non cambia granché, però a volte la sostanza è anche giusto abbia la sua forma e che questa sia così riconosciuta dalla comunità intera. Una decisione anche frutto del recente Giubileo straordinario della Misericordia, concluso dalla chiesa pontina nel segno di Maria Goretti. Monsignor Crociata ha dato indicazione a don Paolo Lucconi, suo delegato per l’organizzazione, affinché ogni anno sia trattato un tema che in qualche modo legato all’orientamento pastorale del momento o comunque importante per la vita ecclesiale pontina. “Per questa volta l’attenzione sarà posta sul tema dell’iniziazione cristiana per i ragazzi, argomento di attuale riflessione nella chiesa diocesana”, ha spiegato don Paolo Lucconi.

La partenza è fissata alle 23 del 1° luglio, dal piazzale antistante la chiesa di Borgo Piave, e si snoderà per la via del Crocifisso fino a Borgo S. Maria, per via Macchia Grande, per Via della Speranza con sosta a Borgo Bainsizza, per la Strada del Bosco, per via Monfalcone, con sosta a Borgo Montello, per via delle Ferriere fino alla casa del martirio di S. Maria Goretti. L’arrivo è previsto alle 6 quando nel piazzale antistante la casa il vescovo Crociata presiederà la Messa. Proprio questo 6 luglio saranno trascorsi 115 anni dalla morte di Marietta, così la chiamavano in famiglia.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto