l'isola

“Europa e Lavoro”, successo per la quattro giorni a Ventotene della Cisl

Cinquanta i giovani sindacalisti che hanno partecipato ai dibattiti

VENTOTENE – Quattro giorni importanti per parlare di lavoro e d’Europa a Ventotene per la Cisl di Latina. Il convegno “Cittadini d’Europa. Lavoratori del Mondo” organizzato dal sindacato sull’isola dal 21 al 24 settembre, ha permesso di far partire “un progetto importante sul quale vogliamo impegnarci nel futuro”, ha detto il segretario Roberto Cecere.

Cinquanta i giovani sindacalisti, tra cui molte donne, appartenenti a diverse federazioni della Cisl, che si sono confrontati su temi di rilevante e stretta attualità quali il lavoro che manca ed il lavoro che cambia, la corruzione, una società multiculturale, l’Europa.

INTERVENTI – Agli incontri i relatori presenti, hanno portato la loro esperienza dando vita ad animati e partecipati dibattiti tra i quali spicca quello con il regista polacco Krzysztoz Zanussi. Il Maestro ha molto colpito non solo per la caratura internazionale e la vasta cultura dimostrata, ma anche per il suo vissuto di uomo e di intellettuale, riuscendo a trasmettere le sue esperienze in campo politico e sociale in un periodo estremamente difficile per la Polonia.

Peppe Iuliano responsabile delle Politiche Internazionali della Cisl, ha sottolineato le ragioni storiche che hanno portato alla nascita dell’attuale Europa, ricordando come questi ultimi 70 anni abbiano rappresentato il periodo di pace ininterrotto più lungo nella storia del Vecchio Continente. Il Sindaco di Latina Damiano Coletta ha portato la sua testimonianza sul lavoro che sta affrontando in comune e sugli sforzi che si stanno facendo per ricostruire una macchina amministrativa, basata sulla trasparenza e chiarezza degli atti, che sia a totale servizio del cittadini.

Ad Ermanno Bonaldo, Presidente EFFAT, il compito di parlare dell’azione sindacale europea ed internazionale nella tutela dei lavoratori e del lavoro e del rinnovato ruolo della Cisl nei vari organismi a questo deputati.

Gian Carlo Penza della Comunità di Sant’Egidio, discutendo di immigrazione e integrazione ha ricordato come il futuro sono i ponti (come la storia ci ha sempre insegnato), e che i muri servono a niente se non a peggiorare i rapporti con chi si considera “straniero”, “altro”, “diverso” o a celare drammi e sofferenze dei popoli.

Paolo Terrinoni Segretario Generale della Cisl Lazio ha parlato della necessità strategica del sindacato di essere dentro la gestione dei processi a tutti i livelli, e della necessità, che questo comporta, di essere sempre al passo con i tempi che cambiano.

Al Segretario Confederale Cisl Andrea Cuccello il compito di chiudere i lavori e di tirare le fila di “una quattro giorni complessa, viva, attiva dove ho visto passione e partecipazione nei nostri giovani chiamati a dibattere su temi certamente difficoltosi, ma che ci richiamano alla nostra coerenza di persone e sindacalisti. Quanto hanno organizzato qui a Ventotene gli amici di Latina, è stata una cosa decisamente importante, unica fino ad oggi, e che la Cisl sta guardando con molto interesse.”

“La Cisl di Latina parte da quest’isola con un bagaglio di esperienze importanti che questi giovani sapranno portare sui loro posti di lavoro. Sono persone pronte a dare il proprio tempo libero e la propria disponibilità per i nostri lavoratori e per gli altri. Insistiamo molto sul concetto di leadership orizzontale dei nostri quadri e sarà questa la sfida del futuro anche perchè cerchiamo persone che abbiano la volontà e la passione per questo lavoro. Il sindacato ha bisogno di energie nuove, ha bisogno di rilancio. La Cisl troverà in questo il suo passo giusto per stare, come sempre, sui grandi temi, e vicina agli iscritti e lavoratori”, ha detto il segretario Roberto Cecere.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto