cronaca

Giocattoli pericolosi e un super impianto di videosorveglianza non autorizzato, denunciata imprenditrice cinese

I finanzieri di Formia hanno sequestrato centinaia di prodotti e 44 telecamere

FORMIA – La Guardia di Finanza di Formia ha individuato, in un esercizio commerciale di Formia, la presenza di articoli esposti per la vendita non conformi al “Codice del Consumo”. Dopo un accurato controllo del noto negozio, i finanzieri hanno sequestrato articoli di vario genere, da prodotti elettronici come spazzole termiche per capelli, fari led, torce, accessori per la telefonia, strumenti per il giardinaggio e per la casa, fino a giocattoli per bambini,  potenzialmente pericolosi alla salute e privi di qualsiasi indicazione d’uso in lingua italiana.

Nel corso della stessa operazione, i militari hanno notato la presenza di un avanzato impianto di videosorveglianza, composto da 44 videocamere e 2 monitor che proiettavano in tempo reale le immagini all’interno del negozio, il tutto senza le autorizzazioni imposte dalla legge a tutela della privacy. L’impianto è stato sequestrato e l’imprenditrice di origine cinese è stata denunciata per le violazioni Previste dallo Statuto dei Lavoratori e dal Testo Unico della Privacy.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto