sociale

Latina, buone pratiche per una Città condivisa. Ecco il progetto Astrolabio

Dieci migranti si occuperanno della pulizia di Corso della Repubblica, piazza del Popolo e Palazzo M

LATINA – Si chiama “La città condivisa” il progetto del Comune di Latina nell’ambito del protocollo d’intesa siglato con la Prefettura per l’integrazione dei migranti ospitati nelle strutture di accoglienza straordinaria presenti sul territorio. Il nuovo progetto è promosso e organizzato in collaborazione con la cooperativa sociale Astrolabio e il servizio Ambiente del Comune. Il primo tavolo di lavoro si è svolto stamattina nella sala De Pasquale alla presenza dell’Assessora al Welfare Patrizia Ciccarelli, il Dirigente del servizio Ambiente Sergio Cappucci, la capo Uoc del servizio Inclusione Stefania Krilic e la Consigliera comunale Loretta Isotton. I migranti coinvolti, tutti ospiti del centro di accoglienza, sono dieci e le attività li impegneranno a partire dal 23 ottobre per un anno. I ragazzi, tra i 19 e i 30 anni, hanno aderito volontariamente al progetto che prevede un tirocinio formativo. Si occuperanno di annaffiare, rimuovere rifiuti e cicche di sigarette dalle strade separando i materiali raccolti. Si occuperanno di Corso della Repubblica, Palazzo M, Piazza del Popolo. Le attività terranno impegnato ogni giovane sei ore a settimana dal lunedì al sabato.

La città condivisa arriva dopo il progetto con la cooperativa “Il Quadrifoglio” per la manutenzione degli spazi esterni dei tre centri diurni per disabili della città.

“L’iniziativa non esaurirà il suo obiettivo sul campo, con la riqualificazione delle nostre piazze – ha sottolineato l’Assessora Ciccarelli – ma è soprattutto uno strumento per coinvolgere i migranti in attività socialmente utili”.

1 Commento

1 Commento

  1. Fabio Gullì

    Fabio Gullì

    17 Ottobre 2017 alle 21:23

    I nuovi schiavi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto

CHIUDI IN BASSO A DESTRA