Il lavoro cresce, previste in provincia oltre settemila assunzioni, ecco le figure più richieste

I dati emergono dalla nuova indagine Excelsior sulle previsioni di assunzione

LATINA – Le imprese della provincia di Latina prevedono di effettuare, entro la fine di novembre, 7.550 assunzioni, per un tasso di entrata del 9,3%: a cercare nuovo personale sarà il 15% delle aziende con almeno un dipendente. I dati emergono dalla nuova indagine Excelsior sulle previsioni di assunzione che, a partire dal maggio di quest’anno, viene svolta mensilmente dalle Camere di Commercio (per le imprese oltre 50 addetti) e da Infocamere tramite l’invio di questionari online e interviste telefoniche.
Per quanto riguarda le figure professionali, il 14% delle nuove entrate nella provincia sarà destinato a dirigenti, specialisti e tecnici (cosiddette figure “high skill”); il confronto rispetto ai valori regionali (25,5%) e nazionali (20,8%), entrambi superiori rispetto al dato locale, mostra un differenziale piuttosto significativo. Concordante, invece, risulta la prevalenza in termini di fabbisogni di “Professioni tecniche”, che a Latina rappresentano il 9% dell’intero aggregato delle “high skill” (oltre il 14% nel Lazio ed in Italia).

Il 9,1% delle assunzioni sarà destinato a personale laureato, a fronte del 17,1% laziale e del 13,8% nazionale. Il 65% dei posti è riservato a diplomati (28,9% diploma di scuola media superiore e 36,0% di istituto professionale), e il 26,0% a chi ha solo terminato la scuola dell’obbligo.

I titoli di studio più richiesti sono diversi, al primo posto quello economico; arrivano al secondo posto, insegnamento e formazione, giuridico e ingegneria elettronica e dell’informazione; al terzo posto ingegneria industriale; linguistico; chimico – farmaceutico; sanitario e paramedico.

I laureati più difficili da trovare sono nel 95% dei casi traduttori e interpreti (nel 32% dei casi a causa di un numero ridotto di candidati, nel 50% per inadeguata competenza e qualifica), nel 66% ingegneri elettronici e dell’informazione (nella maggior parte di casi, il 47%, perchè non ci sono i candidati, il 13% non ha le giuste qualifiche) e nel 39% ingegneri industriali (nel 32% dei casi non ci sono i candidati, nel 2% non hanno le giuste competenze).

I diplomati più richiesti sono nell’ambito della meccanica ed energia; amministrazione e marketing; elettronica; trasporti; costruzioni; turismo ed enogastronomia; grafica e comunicazione; chimica; informatica e linguistico. I più difficili da trovare sono, nel 52% dei casi, i diplomati in grafica e comunicazione (2% numero ridotto di candidati e 6% per mancate qualifiche); nel 49% i diplomati in turismo (11% per mancanza di candidati e 38% per inadeguata competenza); nel 46% elettricisti (nel 14% non si cono i candidati, nel 20% non hanno le giuste qualifiche).

Per le qualifiche professionali i più richiesti sono in ambito della ristorazione; edile; benessere; meccanico; elettrico; sistemi logistici; servizi di vendita; legno; segretari e trasformazione agroalimentare. Gli indirizzi più difficili da trovare sono la riparazione di veicoli a motore (nell’83%, dei quali il 33% per mancanza di candidati, il 50% per inadeguate competenze); elettricisti (per il 77% dei quali il 12 per mancanza di candidati, il 65% per inadeguata competenza); servizi di vendita (44%); benessere (42%) e meccanici nel 34% dei casi (14% per mancanza di candidati e 20% per mancate qualifiche).

La preferenza accordata alle generazioni under 30 è circa un terzo rispetto agli ingressi totale (con una percentuale del 33,1, più bassa però della media sia regionale che nazionale).

Per quanto riguarda le competenze utili per il buon esito delle assunzioni, l’attitudine all’applicazione di soluzioni creative ed innovative, è fortemente richiesta a tutti i livelli territoriali per i profili “high skill”. Per Latina si conferma la peculiarità già emersa in precedenza in termini di competenza delle figure professionali degli “Operai specializzati nell’edilizia”, con un distacco territoriale di circa 10 punti percentuali.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto