cronaca

Operazione Super job, così si spolpa l’economia. Ecco chi sono gli indagati

L'operazione della Finanza: da Pavia a Latina, Aprilia, Cisterna, Milano, Caserta fino a Londra

LATINAL’inchiesta Super Job nata ad Aprilia dai controlli svolti dalla Guardia di Finanza su una società di facchinaggio  ha permesso di risalire a un sistema milionario di false fatturazioni orchestrato da Enrico Fiorillo, 54 anni originario della provincia di Pavia, considerato il “pensatore” e il promotore dell’associazione a delinquere finalizzata alla commissione sistematica di reati tributari insieme al commercialista di Aprilia Fabio Cardenia, 43 anni anche lui finito in carcere. Sono i personaggi chiave dell’inchiesta coordinata dai pm Spinelli e Bontempo della Procura di Latina che ha toccato Pavia,  Latina, Aprilia, Cisterna, Milano, Caserta e anche Londra dove le società destinate a morire venivano trasferite.

Un metodo ben studiato, lo stesso sistema che si ripeteva sempre come una staffetta. Nel corso dell’inchiesta, tante le sorprese. E’ finito in carcere un finanziere, l’ispettore Carmine Speranza, in servizio alla tenenza di Aprilia, accusato di corruzione: per il gip Pierpaolo Bortone che ha firmato l’ordinanza di custodia cautelare si faceva pagare per passare informazioni sulle indagini svolte dai colleghi e sui controlli. “Per noi è sempre un momento molto doloroso vedere coinvolto un nostro militare in inchieste come questa”ha detto il colonnello Michele Bosco, comandante provinciale della Guardia di Finanza che ha raccontato l’operazione, rimarcando che on possono esserci corsie preferenziali” .

INTERVISTA AL COLONNELLO BOSCO

Nell’inchiesta sono stati monitorati i viaggi ripetuti di Fiorillo in provincia di Latina, alcuni insieme alla madre 85 enne, finita agli arresti domiciliari; è documentata negli atti una riunione segreta a Cisterna insieme agli altri indagati, a cui partecipa anche lo stesso commercialista Cardenia. Fiorillo nel corso di un viaggio confessa alla madre di voler lasciare l’Italia perché ha delle proprietà a Santo Domingo e sempre in una intercettazione ambientale catturata da una cimice piazzata in auto, Fiorillo che ha qualche timore per le condotte, viene tranquillizzato proprio dalla mamma che gli dice: non sei un mafioso e non sei neanche un assassino.

Il sequestro preventivo operato quando nelle primissime ore di martedì è scattata l’operazione Super Job ha riguardato i conti correnti delle società su cui finivano i soldi ottenuti con il sistema delle coop cartiera, tanti contanti, circa 15 milioni di euro.

IN CARCERE sono finiti Enrico Fiorillo, Paolo Cardenia, Corrado Stoppa, Alessandro e Andrea Aquilini, Giovanni Vartolo, Carmine Speranza. Andrea Nicastro, Salvatore Martano. AI DOMICILIARI Mauro Cassano, Graziella Caddeo, Pedrag Krosnjar, Clementina Sprela, Anna Maria Amabile, Simona Nardi, Marco Corrente, Stefano Funari, Giacomo Carosi.

1 Commento

1 Commento

  1. Roby

    14 Febbraio 2018 alle 15:45

    Mi domandavo di che importo sarà la cartella di equitalia, fra mora, interessi e multa, e se gli concederanno la rottamazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto