cronaca

Operazione Dusty Trade, al Riesame reggono le accuse

Ai domiciliari il giudice Enzo De Meo

LATINA – Davanti ai giudici del Tribunale del Riesame reggono le accuse dell’inchiesta Dusty Trade, l’impianto accusatorio non è stato smontato. Per motivi di età ha ottenuto gli arresti domiciliari il giudice Enzo De Meo accusato di aver ottenuto una mazzetta da 3 mila euro ma anche un lavoro per sua nuora. Resta in carcere l’imprenditore Giovanni Vartolo, mentre il suo dipendente Rinaldo Moscatelli, passa dagli arresti domiciliari agli obblighi di firma. Il gruppo  accusato a vario titolo di corruzione, atti contrari al loro dovere d’ufficio e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto