operazione della squadra mobile

Sequestrate armi potenti con matricola abrasa e pasta di cocaina da raffinare

Ad Aprilia anche una maxi coltivazione di canapa indiana. Arrestati Mirko Di Filippo e Walter Celani

LATINA – Trecento piante di canapa indiana coltivata in un container dotato di areatori, aspiratori e ventilatori,  lampade alogene, E numerosi misuratori di temperatura e del livello di umidità per tenere il microclima sempre perfetto. In casa c’era invece il manuale del perfetto coltivatore di mariuana. La scoperta è stata fatta dalla squadra mobile della polizia che ha avviato un’indagine vecchio stampo che ha portato i poliziotti in una casa al confine tra Aprilia e Anzio.

“Senza intercettazioni telefoniche, ma con servizi di osservazione – ha spiegato il dirigente, Carmine Mosca – Quando abbiamo deciso di entrare tranciando la recinzione, in casa c’erano stupefacenti di vario tipo, cocaina, hashish e mariuana, e poi seguendo i cavi di un gruppo elettrogeno siamo arrivati alla coltivazione, circa 300 piante”. In manette è finito Mirko Di Filippo, 30 enne di Anzio,  che gli investigatori avevano più volte visto nel terreno in compagnia di un secondo uomo, Walter Celani, 56 anni. Ed è stato poi, proprio nell’abitazione di quest’ultimo, che sono state trovate e sequestrate pasta di cocaina che doveva essere raffinata, ridotta in polvere e spacciata, e armi potentissime: un revolver 357 Magnum e una Glock calibro 9 entrambe con matricola abrasa.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto