cronaca

Alba pontina, un supertestimone parla dopo Don’t touch

Ieri gli ultimi interrogatori degli arrestati ai domiciliari

LATINA – Sono stati ascoltati ieri dal Gip Mara Mattioli i tre arrestati ai domiciliari dell’operazione Alba Pontina. Antonio Fusco ha negato le accuse e ha cercato di chiarire la sua posizione replicando alle contestazioni del provvedimento restrittivo. Ascoltati anche Gianluca D’Amico e Francesca Zeoli che hanno risposto fornendo una loro versione dei fatti e respingendo le accuse. Quelli di ieri erano gli interrogatori di garanzia e si sono svolti per rogatoria.
Intanto questa mattina i colleghi de Il Messaggero scrivono che dietro l’inchiesta ci sarebbe, oltre al pentito Renato Pugliese, anche un supertestimone che ha subito vessazioni e minacce nel carcere in cui è detenuto e che anzi, proprio per questo motivo avrebbe tentato il suicidio. Dopo il gesto i magistrati lo hanno interrogato facendo luce su una serie di elementi che si sono poi rivelati utili alle indagini

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto