cronaca

Pedopornografia, arrestato un 25enne di Latina

L'indagine della Polizia Postale è partita dal Canada

LATINA – Un 25enne di Latina è stato arrestato nel corso di una maxi operazione della polizia postale di Milano per detenzione e diffusione di materiale pedopornografico. Il ragazzo, è ai domiciliari arrestato in flagranza di reato, durante i controlli e le perquisizioni della polizia. Insieme al 25enne di Latina sono finiti in manette un 46enne di Bologna, un 30enne di Napoli e un impiegato della stessa età residente a Torino. Altre 18 persone, tra cui che tre che avevano precedenti specifici, sono state invece denunciate a piede libero. Sono studenti, operai e pensionati tra i 25 e i 60 anni, tra loro c’è anche una donna di Milano.

Secondo l’indagine della polizia postale, il gruppo aveva aperto profili a nome di altre persone, completamente all’oscuro di tutto. Per navigare in internet usavano reti wifi libere per non essere rintracciati, si scambiavano foto e video pornografici di minorenni chiedendo in cambio altro materiale. Recuperate circa 20mila immagini.

La segnalazione alla Postale è arrivata dal Canada per una serie di accessi sospetti a “Kik Messenger”, una app di messaggistica istantanea per cellulari. Gli agenti canadesi hanno girato ai colleghi italiani i dati di circa quindicimila “ingressi” e attraverso le analisi di profili social e dati web, i poliziotti hanno identificato le ventidue persone che avrebbero scambiato tra loro immagini che ritraevano bambini e bambine, anche molto piccoli, coinvolti in atti sessuali espliciti.

Ventitre le perquisizioni eseguite in diverse città italiane, sequestrati 26 cellulari, sette pc e 20mila foto e video.

3 Commenti

3 Commenti

  1. Germano Buonamano Mancaniello

    Germano Buonamano Mancaniello

    21 Giugno 2018 alle 9:58

    Uno solo?.

  2. Luciano Grigio

    Luciano Grigio

    21 Giugno 2018 alle 11:35

    Era più giusto scrivere ; un pezzo di merda di Latina

  3. Roby

    21 Giugno 2018 alle 18:28

    Con chi abbiamo il piacere di avere a che fare?

Lascia un commento

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto