La start up

La pontina Keethings premiata alla maratona digitale DigithOn

Ha ideato una Conversational Platform per la comunicazione facile tra persone, macchine e applicazioni

LATINA – Insieme a 100 altre aziende hanno partecipato, e hanno vinto uno dei premi, a DigithON, la maratona delle idee digitali ideata da Francesco Boccia. Loro sono una startup, la Keethings che opera nel campo dell’Industrial Internet of Things (IIoT) e offre un’innovativa Conversational Platform che accelera la digitalizzazione dei processi di fabbrica semplificando la comunicazione tra persone, macchine ed applicazioni.

L’azienda che ha sede in America, ma il cuore operativo a Latina, si è aggiudicata il percorso di “mentorship e go to market” offerto da Cisco per essere in linea con il paradigma dell’Industry 4.0, che semplifica e velocizza la comunicazione e interazione tra persone, apparati hardware e sistemi software. DigithON è la più importante rassegna italiana per la promozione delle startup digitali e hanno partecipato alle tre giorni anche il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio.

“Abbiamo in sostanza sviluppato una piattaforma conversazionale indirizzata al mercato industriale – ha detto l’amministratore della Keething Raffaele Gargiulo – come le chat che utilizziamo quotidianamente per conversare con amici e colleghi, ma noi l’abbiamo sviluppata per un contesto industriale. L’obiettivo è semplificare il modo in cui le persone svolgono le loro attività per lavorare più velocemente e in modo più efficiente”.

ASCOLTA GARGIULO

La start up è composta da italiani e lavora in Italia ma ha sede in America perchè il mercato indubbiamente offre più possibilità anche per il futuro di sviluppo: “Il cuore dell’azienda è però tutto italiano e in particolare pontino perchè siamo qui da 20 anni, Latina è il nostro cuore pulsante e operativo”. Il team è composto Raffaela Gargiulo e Alessandro Praticò che sono i fondatori, a cui si unisce un altro interno e cinque consulenti esterni.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto