cronaca

Operazione Tiberio 2, il Miur valuta di costituirsi parte civile

Il Ministro Bussetti: "Abbiamo bisogno di chiarezza"

SPERLONGA – “Siamo davanti a una vicenda grave, su cui vanno fatti rapidamente tutti gli approfondimenti necessari. Abbiamo bisogno di chiarezza. Ringrazio le forze dell’ordine e la magistratura che sono prontamente intervenute”. Così il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti dopo gli arresti dei due imprenditori di Sperlonga che avevano ottenuto l’appalto per la realizzazione di una nuova ala del plesso scolastico “Alfredo Aspri” e per l’ampliamento della palestra del Liceo “Enrico Fermi” di Gaeta.

“Ora toccherà ai giudici accertare le responsabilità. Non voglio aggiungere ulteriori polemiche, non è il momento. Di sicuro come MIUR valuteremo di costituirci parte civile. Intanto ho chiesto ai miei uffici di avviare tutte le procedure per l’eventuale revoca del finanziamento”, prosegue, “vogliamo vederci chiaro”.

1 Commento

1 Commento

  1. Germano Buonamano Mancaniello

    Germano Buonamano Mancaniello

    20 Settembre 2018 alle 19:19

    Costruire edifici senza fondamenta è come costruire un castello di sabbia con una differenza che il Castello di sabbia se pur cade giù resta cmq Sabbia se invece crolla una scuola e una palestra costruita con materiale scadente si perdono vite umane e imprenditori così come queste facce da merda arrestati ieri ci ricamano anche su dopo la tragedia si sentono al telefono pensando al sistema da attuare in una terra devastata da un terremoto e ridendo su persone umane decedute tipo come quei ragazzi e ragazze deceduti dentro la casa dello studente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto