cronaca

Sequestrato il sito della discarica Valle Sica a Sperlonga

Miasmi e rumori molesti alla base del provvedimento emesso dal sostituto procuratore Luigia Spinelli

SPERLONGA – E’ stata sequestrata dagli uomini del Nipaf e dai Carabinieri di Sperlonga, la discarica di Valle Sica a Sperlonga a causa di odori nauseabondi, percolato e rumori molesti.  Il sito è di proprietà comunale, ma è gestito dalla società Servizi Industriali che gestisce la raccolta dei rifiuti del paese. Il provvedimento urgente di sequestro è stato emesso dal sostituto procuratore Luigia Spinelli perchè da tempo emanava miasmi che stavano rendendo la vita dei residenti impossibile, tanto che gli esposti presentati sono stati moltissimi, alcuni da parte di un gruppo di residenti seguiti dall’avvocato Guglielmo Raso e altri a cura dell’associazione Fare Verde.

Attraverso specifici sopralluoghi effettuati dalla polizia giudiziaria e grazie alle dichiarazioni dei residenti nelle vicinanze del complesso industriale, si è appurato che le esalazioni provenivano dall’impianto industriale. Le persone ascoltate lamentano una situazione gravissima, in quanto questi miasmi non solo costringono gli abitanti della zona a modificare le loro abitudini di vita, ma rendono l’aria insalubre con possibile compromissione delle condizioni di salute degli abitanti.

Il sito continuerà ad essere utilizzato ma il custode giudiziario nominato dovrà provvedere ad abbattere sia i rumori molesti che gli odori. Due persone sono state denunciate.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto