sanita'

Punti di primo intervento, sembra scongiurata la chiusura. Approvato l’ordine del giorno in Regione

Simeone: "Ora lavorare per colmare le lacune esistenti"

REGIONE – E’ stato approvato, con il parere favorevole dell’assessore regionale alla sanità, l’ordine del giorno sottoscritto da molti consiglieri della maggioranza e dell’opposizione, che scongiura la chiusura dei punti di primo intervento nella provincia di Latina e nel Lazio. Lo rende noto il consigliere regionale Pino Simeone.

“Il nostro compito, a partire dal presidente Zingaretti, ora è quello di rimboccarci le maniche per colmare le lacune esistenti nella sanità del nostro territorio definendo il futuro di ogni singolo presidio del Lazio, puntando al suo potenziamento e valorizzazione all’interno della rete di emergenza sanitaria territoriale e scongiurando qualsiasi depotenziamento dei già esigui servizi esistenti. La chiusura dei punti di primo intervento, inficerebbe ulteriormente la già fragile assistenza sanitaria territoriale privando alcune aree di qualsiasi riferimento assistenziale”.

“Il nostro compito come Regione, anche in vista dell’auspicata uscita dal commissariamento prevista per gennaio 2019, è rimodulare quindi la programmazione dell’assistenza sanitaria territoriale garantendo ai pazienti servizi efficaci ed efficienti colmando le lacune accumulate in questi anni e potenziando le strutture territoriali che rappresentano, come nel caso dei Punti di primo intervento, la cerniera indispensabile tra l’ospedale e la gestione della emergenza. In attesa che il ministro Grillo risponda alla richiesta, avanzata anche su nostra sollecitazione, dall’assessore D’Amato di procedere ad una rivisitazione della disciplina sui Punti di primo intervento ed una modifica in tal senso del decreto ministeriale sugli standard dell’assistenza ospedaliera, oggi abbiamo compiuto un importante passo avanti. Ora vigileremo e continueremo a mantenere alta l’attenzione affinchè questo ordine del giorno trovi nell’azione del presidente Zingaretti atti consequenziali e risolutivi”, dichiara il presidente della commissione regionale sanità, Giuseppe Simeone

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto