la buona istruzione

“Ama e cambia il mondo”, il concerto, con la lingua dei segni, degli studenti del Tasso

La scuola di Latina da quattro anni porta avanti il progetto sulla scia del coro Manos Blancas

LATINA – Un partecipato e commovente spettacolo si è svolto giovedì sera presso l’Auditorium del liceo classico Dante Alighieri di Latina a cura della scuola media dell’Istituto Comprensivo Torquato Tasso di Latina. La serata è iniziata con la proiezione del coro Manos Blancas, creato da Josè Antonio Abreu nel 1975 in Venezuela ed è composto da bambini ed adulti che, non potendo sentire o suonare o essendo portatori di deficit fisici, partecipano all’esecuzione in altro modo.Avvertendo le vibrazioni della musica muovono le loro mani rivestite dei guanti che danno il nome al coro, in una sorta di danza accompagnata: una rappresentazione che diventa un rito, una celebrazione del potere immenso dell’arte.

I ragazzi della Tasso hanno iniziato questo percorso della LIS, ovvero la lingua dei segni, da quattro anni “perchè – spiegano le insegnanti che seguono il progetto – questa è una straordinaria testimonianza del potere inclusivo e salvifico della musica e dell’enorme potere comunicativo di un linguaggio non verbale. Ai nostri ragazzi vogliamo trasmettere così valori importanti come l’inclusione, la condivisione, l’amore per il prossimo e la libertà e la gioia di esprimere se stessi”. 

Alla realizzazione dello spettacolo ha contribuito anche il musicista di Latina Skuba Libre accompagnato nell’ultima esibizione dal ballerino Simone Bonanni dell’associazione Quattrotto insieme all’alunno Nicholas Ragazzi. Tutti gli altri ragazzi sul palco hanno indossato lucette a led che muovevano a tempo di musica. Commovente il finale in cui i 100 bambini delle scuole elementari, insieme a altrettanti compagni delle medie hanno alzato lo striscione con su scritto: “Ama e cambia il mondo”.

2 Commenti

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto