gli insospettabili

Sei kg di hashish, un revolver e 115.000 euro: arrestati a Fondi Stefano Marrocco e Gianmaria Graziani

Il blitz dei Carabinieri che hanno dichiarato guerra allo spaccio

FONDI – Sei chili di hashish, 115mila euro in contanti, cocaina e un revolver con le munizioni: è quanto hanno sequestrato nelle scorse ore a Fondi i Carabinieri che seguivano le tracce di Stefano Marrocco  un ragazzo incensurato di 29 anni sorpreso mentre usciva da un’abitazione con mezzo chilo di hashish. E’ scattata così la perquisizione in casa di Gianmaria Graziani, 40 anni, una vecchia storia di spaccio alle spalle vent’anni fa, poi più nulla, fino ad oggi, quando per lui sono scattate le manette. La pistola che deteneva –  secondo i carabinieri  – è già stata utilizzata  per precedenti colpi, mentre l’ingente quantitativo di droga e di danaro trovati in casa dell’uomo, raccontano il giro importante che c’è dietro questo sequestro.

Le indagini non sono terminate e sulla pistola saranno eseguiti i riscontri balistici che potranno dare ulteriori informazioni utili alle indagini. “Sapevamo che questa persona aveva dei contatti importanti e riteniamo che questa arma sia stata usata per mettere a segno alcuni reati in provincia. Questa operazione è solo la punta dell’iceberg”, ha detto il comandante Vitagliano che ha sottolinato come, solo la tendenza di Fondi abbia arrestato il 13 mesi, 90 persone per rapine, furti e stupefacenti, incrementando del 50% l’attività dell’anno precedente.

“Un mondo quello del traffico e dello lo spaccio di droga anche “leggera” che alimenta un apparato criminogeno che è responsabile di fatti più gravi e di maggiore allarme sociale. La vicinanza dell’hashish alla pistola ne è la prova”, ha commentato il colonnello Gabriele Vitagliano, comandante provinciale dei carabinieri di Latina che sottolinato due elementi: “Anche solo 10 euro spesi per comprare una dose, sono soldi che vanno a incrementare un circuito che provoca morte, non solo di chi ne fa uso”. Il secondo elemento riguarda il controllo: “Quando ci sono queste attività di contrasto allo spaccio, non si tratta di proibizionismo, vogliamo invece debellare qualcosa di molto più grande, che non comprende solo lo spaccio di stupefacenti”.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto