l'intervista

Il segretario nazionale della Fai Cisl a Latina. Il direttivo sospende Vaccaro

Rota: "Siamo una organizzazione sana. Dalla Agriamici nessun aiuto per le tessere, ecco i numeri"

LATINA – Il segretario nazionale della Fai Cisl Onofrio Rota ha tenuto una conferenza stampa nella sede di Borgata Carrara della federazione, dopo l’arresto del segretario provinciale Marco Vaccaro che è stato sospeso cautelativamente: “Nel caso in cui la magistrature dovesse accertare le sue responsabilità sarà espulso. Quello che voglio ribadire però, è che la Fai Cisl è una organizzazione sana, di gente perbene che lavora in un settore particolare qual è quello dell’agricoltura”, ci ha tenuto a precisare in conferenza stampa dopo il direttivo che si è svolto per decidere a chi spetterà la reggenza della segretaria. Il direttivo ha deciso che sarà la stessa organizzazione nazionale a seguire la provincia di Latina, con un suo delegato che sarà nominato nelle prossime ore.

Ma veniamo alle iscrizioni, quelle che hanno fatto scattare un campanello di allarme anche alle Forze dell’ordine. In realtà, secondo i dati diffusi dal segretario, dal 2016 al 2017 si sono contate 20 iscrizioni in più per le domande di disoccupazione da lavoratori della Agriamici, la cooperativa finita al centro dell’inchiesta. Si è dunque passati dai 10 del 2016 ai 30 iscritti del 2017, non disponibili ancora i dati del 2018 che forse avrebbero dato una visione più ampia. Secondo Rota “Gli altri 360 dipendenti si rivolgono ad altre organizzazioni. Inoltre nessuno si è mai presentato da noi per dire: siamo sfruttati”. Constatazione più che ovvia se si pensa che nell’inchiesta è finito il segretario della stessa organizzazione.

Ferma la posizione del segretario nazionale: “da sempre combattiamo questi sistemi di illegalità, con la nostra attività cerchiamo di aiutare oltre 200 mila lavoratori. Chiaro che se saranno accertate responsabilità personali, ci costituiremo parte civile per chiedere i danni, non solo di immagine, arrecati alla nostra organizzazione”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto