scuola

Lia Levi, scampata alla Shoah, incontra gli studenti della Fabiano di Latina

E' una delle protagoniste della docufiction Rai "Figli del destino"

LATINA – Protagonista ieri sera su Rai 1 nel programma Figli del destino, la docufiction che racconta la storia attraverso gli occhi di quattro bambini scampati alla Shoah, ha parlato oggi davanti agli studenti della scuola Vito Fabiano di Latina, Lia Levi, raccontando come riuscì a salvarsi dalle deportazioni nascondendosi con le sue sorelle nel collegio romano delle Suore di San Giuseppe di Chambéry. Sceneggiatrice e giornalista, Lia Levi è autrice sia di romanzi per adulti che per ragazzi. Nel 1994 ha pubblicato il libro “Una bambina e basta” (premio Elsa Morante opera prima), diventato un classico nelle scuole. Il testo è uno dei primissimi racconti autobiografici ad affrontare il problema dell’impatto traumatico che le persecuzioni ebbero sui bambini ebrei in Italia, anche tra coloro che non furono deportati nei campi di sterminio, costretti a lasciare le loro case e a vivere nascosti nella paura, spesso separati dai propri genitori. Lia Levi è anche autrice di “Questa sera è già domani”, con cui è risultata finalista del Premio Strega e vincitrice del Premio Strega Giovani nel 2018.

L’incontro al quale ha preso parte anche il sindaco di Latina Damiano Coletta, fa parte del  progetto “Leggo la Shoah”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto