cronaca

Operazione Commodo, i commenti

Il presidente Zingaretti: "Tolleranza zero per il caporalato"

LATINA – Il ministro degli Interni, Matteo Salvini, dopo essersi complimentato con la polizia per gli arresti eseguiti a Latina, ha dichiarato: “Un’immigrazione senza regole porta a sfruttamento. Conto che questa brillante operazione sia la prima di una lunga serie, così da stroncare un business che prospera grazie all’immigrazione clandestina e che arricchisce chi la sfrutta” .

Zingaretti – “Grazie a Polizia di Stato per questa importante vittoria. Abbiamo appena presentato con il Prefetto di Latina un protocollo con le parti sociali: nessuna tolleranza per il caporalato e per lo sfruttamento del lavoro”. Lo scrive su Twitter il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

Simeone FI – “Ho appreso con sconcerto questa mattina la notizia del blitz sul fenomeno del caporalato –afferma Giuseppe Simeone, consigliere regionale di FI e presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria, welfare- voglio ringraziare le forze di polizia che hanno provveduto a sgominare un’organizzazione criminale dedita allo sfruttamento del lavoro ai danni di centinaia di stranieri impiegati in lavori agricoli ed in condizioni disumane. Ho piena fiducia nel lavoro portato avanti dalla magistratura del capoluogo pontino. Occorre tenere alta la guardia soprattutto su un tema così delicato e non c’è dubbio che come dimostra il protocollo firmato presso la Prefettura di Latina fra Regione e parti sociali la scorsa settimana, l’obiettivo primario resti il contrasto del fenomeno dello sfruttamento del lavoro in agricoltura, attraverso azioni che favoriscano la legalità. E’ importante limitare questa piaga sociale che tocca tanti lavoratori, spesso particolarmente vulnerabili, come i disoccupati o gli stranieri privi del regolare permesso di soggiorno. Ci tengo a sottolineare il fatto che il protocollo nella sua prima fase di sperimentazione si applicherà proprio nella provincia di Latina, in particolare nell’agro e nel sud pontino, dove si concentra un quarto delle aziende agricole del Lazio”.

Tripodi, Lega – ”Grazie alla Lega al governo si stanno stroncando il business dell’immigrazione e la piaga del caporalato! Dopo anni di denunce, finalmente emerge la verità! La pacchia è finita”. Così, in una nota, il capogruppo della Lega in Consiglio regionale del Lazio Orlando Angelo Tripodi.

Meloni FdI «Complimenti alle Forze dell’Ordine che hanno smantellato a Latina un’organizzazione criminale che sfruttava immigrati e li costringeva a vivere e lavorare in condizioni disumane. Tolleranza zero contro il caporalato e chi specula sulla disperazione». Lo scrive su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Di Cocco FdI “Esprimiamo alle forze dell’ordine il nostro ringraziamento. Fondamentale è stato il lavoro quotidiano che stanno facendo. Come Fratelli d’Italia, ci impegniamo e impegneremo sempre per combattere gli abusi sul lavoro. Diamo la massima collaborazione alle varie istituzioni e mantenere sempre alta l’attenzione su un fenomeno odioso che si basa sullo sfruttamento dei più deboli e che causa danni anche all’intero comparto agricolo”. Lo dice Gianluca Di Cocco, porta voce di Fratelli d’Italia

Forte, Pd «La vasta operazione contro il caporalato a Latina, culminata con 6 arresti e cinquanta indagati, dimostra che il territorio pontino sta reagendo alla piaga dello sfruttamento in agricoltura, fenomeno reso ancor più grave dalla consapevolezza dimostrata dai personaggi coinvolti di operare fuori dalla legalità e dai diritti più elementari. Senza dimenticare che si certifica un fenomeno più volte denunciato ma mai emerso con questa gravità: migranti sfruttati che, a causa di imprenditori senza scrupoli e di controllori che non hanno fatto il proprio dovere, hanno sostituto nei campi i braccianti già sottopagati poichè ‘impiegabili’ in condizioni ancor più disumane. Un ringraziamento va alle forze dell’ordine che hanno operato per ricostruire una vicenda complessa: allo stesso modo ritengo  si debba rimarcare come  la Regione Lazio, che ha appena siglato un protocollo con le forze sociale e le istituzioni del territorio, stia favorendo il clima di ripristino della legalità nella provincia di Latina, tutelando e incoraggiando chi lavora per mantenere una economia sana e rispettosa dell’uomo», lo dichiara in una nota il consigliere regionale del PD Enrico Forte.

Pernarella (M5S) – “Non si può essere contenti quando la nostra provincia finisce nella cronaca nazionale del TG1 ma allo stesso tempo non posso che ringraziare la Procura di Latina e la Polizia di Stato per quanto hanno saputo fare scardinando questa associazione a delinquere dedita allo sfruttamento del lavoro, all’estorsione, all’autoriciclaggio, alla corruzione e ai reati tributari, reclutando stranieri e somministrandoli in regime di monopolio ad aziende agricole della nostra provincia ma anche di Roma, Frosinone e Viterbo: il tutto per paghe inferiori alla metà di quanto previsto dai contratti nazionali. Spesso utilizzando braccianti provenivano anche dai centri di accoglienza straordinaria in attesa del riconoscimento della protezione internazionale” dichiara Gaia Pernarella, consigliere regionale M5S Lazio, commentando l’operazione denominata “Commodo” contro il caporalato e che nella giornata di oggi ha portato all’arresto di sei persone in provincia di Latina.
Trano (M5S) – “Inorridisco al solo pensiero che proprio un sindacalista, addirittura un presidente provinciale di categoria, possa aver disatteso il suo ruolo, schierandosi dalla parte degli aguzzini invece che delle vittime. Sarebbe un po’ come se il medico difendesse il diffondersi della malattia invece che avere cura dei pazienti. Ma l’impressione che si ha, nel suo complesso, è quella di un sistema ben oliato in ogni suo punto a cui addirittura prendeva parte lo Stato attraverso un dipendente dell’Ispettorato del Lavoro…. considero gravissimo il fatto che figure inserite nelle istituzioni e preposte al contrasto di questi fenomeni, ne fossero addirittura parte integrante per proprio tornaconto” sono le parole del deputato di Formia Raffaele Trano, Capogruppo della Commissione Finanze.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto