sindacale

Vigilanza privata, importante manifestazione sabato a Napoli

Uiltucs: "La trattativa per il rinnovo del contratto di nuovo ferma, i lavoratori sono esasperati"

LATINA – Sabato prossimo, 2 febbraio, i vigilantes del centro sud Italia e delle isole si fermeranno per una importante manifestazione che si svolgerà a Napoli organizzata dai sindacati per dire “basta e rivendicare i giusti diritti e il salario”. Dopo lo Sciopero del 4 maggio scorso, le associazioni delle imprese della vigilanza e del comparto sicurezza privata avevano dichiarato l’intenzione di procedere speditamente nelle trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale di Settore, ma a gennaio il nuovo stop su questioni importanti come, cambio appalto, Contrattazione e salario.

“Abbiamo assistito ad un muro delle aziende capaci di accordarsi fra di loro per peggiorare le condizioni dei lavoratori- dice Gianfranco Cartisano, segretario della Uitucs di latina – Il rinnovo del Contratto Nazionale significa sottoscrivere regole certe che ogni azienda deve rispettare, un quadro di tutele e un equo, giusto aumento salariale per dare risposte all’impegno ed il sacrificio dei lavoratori Guardie Particolari “Giurate.

Cartisano porta come esempio alcuni fatti accaduti proprio in provincia: “Lavoratori che quotidianamente svolgevano il loro lavoro, sono stati aggrediti e feriti. Un nostro iscritto che ha rischiato la vita nel sito della PAOIL a Cisterna e a luglio scorso, sempre un nostro iscritto è stato ferito da un gruppo di rapinatori che ha aggredito un portavalori a Latina in Q4, fortunatamente salvo per la sua determinata professionalità. Da tempo abbiamo denunciato i rischi di questi lavoratori impiegati ai servizi portavalori, un mezzo a rischio deve essere presidiato sempre da 3 unità e non da 2 lavoratori come viene spesso svolto”.
I sindacati di Latina hanno organizzato un pullman per partecipare alla manifestazione di sabato a Napoli con i  lavoratori pontini, circa 600 del settore Vigilanza Privata.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto